Il 2016 è l’anno del centenario per il Bmw Group. Un traguardo importante, storico, che il Bmw Museum di Monaco sta raccontando con la mostra “100 Capolavori. Bmw Group – 100 anni di forza innovativa e di coraggio imprenditoriale”.

La mostra sarà aperta al pubblico fino a settembre 2017 e ripercorre la lunga storia dei veicoli più importanti, dei successi sportivi e delle decisioni aziendali. Una mostra, di fatto, sulla storia della mobilità dal 1916 al 2016.

L’inizio della storia ci parla di Bmw come un’azienda costruttrice di motori per aerei, nel 1916, per poi passare alle moto nel 1923 e cinque anni dopo alla prima automobile. La prima di una lunga serie di auto, in grado di affascinare e generare emozioni decennio dopo decennio. Ma il successo di Bmw si deve anche e soprattutto alle scelte aziendali, quelle scelte che, con coraggio e assumendosi dei rischi, hanno portato a pietre miliari nello sport motoristico così come nelle vetture di serie.

UN VIAGGIO NEL TEMPO
Nella mostra, “100 capolavori” accompagnano i visitatori attraverso i cento anni di storia Bmw. Il primo capolavoro è la fondazione della Bayerische Motoren Werke nel 1916. I visitatori entrano nella Museum Bowl attraverso un time-tunnel e hanno una panoramica degli ultimi 100 anni dello sviluppo storico e della storia della mobilità illustrata con pannelli informativi che rappresentano le singole fasi dell’azienda.

Potranno poi ammirare oltre 30 veicoli, come la Bmw 328 del 1936, la leggendaria roadster Bmw 507 del 1955 e la “bubble car” di culto, la Bmw Isetta del 1955, mentre cartelloni tematici offrono informazioni su momenti imprenditoriali importanti, come l’introduzione dell’assistenza sanitaria nel 1936. Altrettanta importanza viene data ai traguardi ingegneristici e ai più significativi successi sportivi, come il Rally Parigi-Dakar del 1981, e ad arricchire la mostra ci sono le storie dei personaggi, piccoli oggetti storici di valore, clip di filmati sconosciuti, ma anche fotografie e disegni informativi.