Il designer italiano Romolo Stanco reinventa il concetto di bicicletta ibrida. Telaio sportivo in fibra di carbonio con una power unit elettrica completamente integrata nel mozzo posteriore in soli 9,8 kg.

Bestianera Montecarlo Edition by TRED

Trasformare una bici da pista in una ibrida urbana in meno di 10 minuti, parcheggiarla fuori dal casinò dopo un allenamento o dopo un nuovo record battuto e stare a guardare le auto sportive impallidirle accanto. No, non è la scena dell’ultimo film di James Bond, ma quanto realizzato dalla start-up piacentina T°RED e dal designer italiano Romolo Stanco con BestiaNera Monte Carlo Edition.

Si tratta, è bene specificarlo subito, di un prodotto sicuramente all’avanguardia ma che si rivolge ad un target di lusso come è possibile intuire dal suo nome. Non è un caso che questa innovativa bici ibrida sia stata scelta in questa sua nuova versione tra i modelli di spicco del Like Bike Monte Carlo 2015, il Salone delle bici di lusso che si è svolto lo scorso weekend.

La “Bestianera”, un nome una garanzia, spicca infatti per le sue intuizioni tutte italiane con un telaio in fibra di carbonio che parte da geometrie tipiche delle bici da pista per unirsi ad una power unit elettrica completamente integrata nel mozzo posteriore, il tutto in soli 9,8 kg.

BestiaNera Monte Carlo Edition, è stata concepita per essere quindi in grado di adattarsi alle esigenze dei ciclisti più esigenti combinando le prestazioni tecniche e sportive offerte dalla versione “Sport+” e dalla “Sessantaminuti”, con la possibilità di trasformasi da bici ibrida urbana in una bici perfettamente settata per la pista, in meno di dieci minuti.

Per realizzare tutto ciò è sufficiente, infatti, sostituire la forcella e le ruote, operazione agevolata dall’assenza di cablaggi e dall’uso di un kit dedicato. Ma tutta la concezione di questa bici è qualcosa di realmente innovativo, il telaio monoscocca in fibra di carbonio unidirezionale è infatti equipaggiato con un interessante sistema anti vibrazioni “Smaavs” (Shape Memory Alloy Anti Vibration System) che sfrutta le deformazioni superelastiche di elementi in nichel titanio integrati nella struttura stessa della bicicletta e permette una sensibile riduzione delle vibrazioni percepite su manubrio e sella.

Interessante anche la concezione della ruota anteriore, la prima trispoke a montare un freno a disco, mentre la posteriore è costruita per garantire performance massime integrando il mozzo elettrico. Le ruote e la forcella sono prodotte in esclusiva per BestiaNera da Toot, un nuovo brand “high quality” che sarà presto lanciato sul mercato.

Ulteriori partner del progetto BestiaNera sono Astute, Deda Elementi, Rotor Bike Components, Zehus, EmmeTi Composites e Poc.

NO COMMENTS

Leave a Reply