Da aprile tutti i cittadini di Torino avranno una possibilità in più per muoversi sul territorio senza vincoli di orari e luoghi grazie ai due nuovi servizi di car-sharing. Vediamo come funzionano.

Enjoy

Da aprile noleggiare una macchina a Torino sarà un gioco da ragazzi, purchè maggiorenni. Il motivo è presto detto, due tra i più importanti servizi di “car-sharing” in Europa hanno deciso di sbarcare sotto la mole offrendo dei servizi interessanti ed estremamente conveniente per tutti coloro che necessitano di un mezzo a 4 ruote per qualsiasi occasione. Parliamo di “Enjoy”, il servizio di autonoleggio di Eni realizzato in partenership con Fiat e Trenitanlia e Car2Go che offre i medesimi servizi ed è già ampiamente diffuso nel resto d’Europa.

Il capoluogo piemontese sarà la quarta città dopo Milano, Roma e Firenze a rivoluzionare quindi la propria mobilità e quella dei suoi cittadini.

“Il car sharing rafforzerà il sistema complessivo di mobilità contribuendo al raggiungimento di uno degli obiettivi sul quale si sta lavorando fin da inizio mandato: l’intermodalità del trasporto pubblico ed una maggiore offerta di alternative al mezzo privato. Sono molto soddisfatto”, Piero Fassino, Sindaco di Torino.

car2go_Torino_(1)

COME FUNZIONA ENJOY
Il car sharing di Eni sarà attivo con una flotta che, a pieno regime, conterà 400 Fiat 500 e, per cercare di raggiungere gli ottimi risultati conseguiti anche in altre città italiane, totalizzando fino ad oggi ben 2 milioni e mezzo di noleggi, fino al 30 aprile Enjoy sfrutterà la sua collaborazione con Fiat lanciando un’ importante promozione denominata “Welcome Torino!”. Si tratta di un bonus di 15 euro di noleggi gratuiti per provare il servizio nella propria città da quando sarà disponibile.

Ovviamente le modalità e caratteristiche del car sharing Enjoy anche a Torino saranno le medesime già in vigore nelle altre città italiane: iscrizione gratuita e completamente online e una “customer experience” semplice ed immediata. Il cliente potrà visualizzare l’auto più vicina e prenotarla con l’app per smartphone (Android, iOS e Windows Phone) o tramite il sito internet enjoy.eni.com oppure sceglierne una libera lungo la strada, ingaggiarla e iniziare subito il noleggio. Per quanto riguarda i costi, le tariffe applicate saranno di 25 centesimi al minuto in movimento (per i primi 50 km, dopo i quali si applica anche il costo al km di 25 centesimi) e 10 centesimi al minuto quando si decide di lasciare l’auto noleggiata in modalità sosta. La tariffa è “all inclusive” perché comprende anche le spese di assicurazione, manutenzione, carburante e parcheggio.

COME FUNZIONA CAR2GO
Attivo 24 ore su 24 e 7 giorni su 7, a partire precisamente dall’ 8 aprile sarà anche disponibile la flotta di Car2go composta in questo caso da 450 Smart. I veicoli di Car2go possono essere noleggiati in qualunque momento e il sistema opera senza stazioni di noleggio dedicate, permettendo all’utente di posteggiare in qualsiasi parcheggio pubblico all’interno dell’area operativa di circa 60 chilometri quadrati. Gli utenti registrati pagano solamente il reale utilizzo che fanno del servizio, senza canoni aggiuntivi mensili o annuali, con un costo di 0,29 euro al minuto “all-inclusive” (tasse, assicurazione, benzina, parcheggio, i primi 50 chilometri e Iva).

Anche gli utenti Car2go potranno usufruire di un servizio “on-demand” prendendo la vettura disponibile più vicina grazie all’utilizzo dell’app per smartphone e tablet, o grazie alla funzione di ricerca sul sito www.car2go.com. Possono anche salire direttamente su una Car2go che trovano libera. Non vi è infatti l’obbligo di prenotare l’automobile in anticipo, poiché gli abbonati possono accedere al servizio 24/7, inoltre gli iscritti possono prendere e restituire le Smart noleggiate in qualsiasi punto dell’area operativa coperta dal servizio.

Ovviamente, le vetture di entrambe le compagnie avranno libero accesso e transito nelle ZTL Centrale e Romana mentre non sarà possibile transitare nelle ZTL trasporto pubblico, ZTL Valentino e ZTL pedonali.

NO COMMENTS

Leave a Reply