Roma – La nuova serie di test di EuroNcap conferma che non tutti i veicoli analizzati ottengono risultati soddisfacenti a fronte dei nuovi e più restrittivi criteri di valutazione introdotti nel 2014. Dei 5 modelli testati, solo la Mercedes GLA ottiene le 5 stelle. La Toyota Aygo e la Renault Twingo si fermano a 4, mentre a e 3 sono la Citroen Berlingo e la Nissan e-NV200 Evalia.
Scritto del lusinghiero punteggio della Mercedes GLA, va sottolineato come i risultati ottenuti da alcune delle auto testate si applichino anche ad altri veicoli che ne condividono tutte le caratteristiche e le dotazioni in termini di sicurezza. Per questo motivo le 3 stelle della Citroen Berlingo sono assegnate anche alla nuova Peugeot Partner. Allo stesso modo le 4 stelle della Toyota Aygo sono da condividere con le due “gemelle” Peugeot 108 e Citroen C1.
I rinnovati sistemi di valutazione, introdotti da EuroNcap per valutare gli effettivi livelli di sicurezza offerti dalle automobili in commercio, hanno avuto come effetto immediato un peggioramento in senso relativo dei risultati con, tuttavia, un innalzamento effettivo degli standard di sicurezza per gli utenti della strada.
Tra le novità introdotte dal nuovo protocollo EuroNcap si segnala innanzitutto la rinnovata attenzione alla protezione dei bambini che viaggiano come passeggeri sui sedili posteriori, allacciati agli appositi seggiolini prescritti dalle normative europee e nazionali, per cui sono stati previsti specifici test.
Programmata, inoltre, un’accurata verifica delle caratteristiche e dell’efficacia dei dispositivi di sicurezza “attiva” disponibili, di serie o come optional, per ogni modello testato, ovvero di quei moderni strumenti tecnologici in grado di assistere il conducente nelle principali manovre di guida e di avvisarlo – e perfino intervenire automaticamente – per correggere i suoi eventuali errori.
Costante, infine, il richiamo di EuroNcap a tutti i costruttori per rafforzare ulteriormente l’impegno nei confronti della sicurezza dei pedoni, attraverso un’accurata progettazione dei frontali che possa ridurre le conseguenze dell’impatto in caso di investimento.