Brescia – Ritorna la Settimana Motoristica Bresciana, che ha scelto la cadenza biennale, per favorire il mantenimento di quell’alto livello qualitativo, che ne ha fatto negli anni una manifestazione che si può definire la Londra – Brighton italiana. La partecipazione è infatti consentita a vetture, quadricicli, forecar, tricicli, motocicli e moto con sidecar,  purché costruiti prima del 31 dicembre 1918.
Si potrà ammirare a Brescia  è un vero museo “viaggiante” in quanto questi veicoli sono “vivi” e daranno bella dimostrazione della loro vivacità, durante questa tre giorni, percorrendo le due rive del Garda per poi fare ritorno a Brescia.
L’Asi ha inteso, con il suo  appoggio alla Settimana Bresciana, dare un’ulteriore dimostrazione della sua attenzione agli aspetti culturali del collezionismo, che in questo caso si esprimono ai massimi livelli. Nessuno in Italia, è in grado di radunare un consesso di veicoli di tale livello.
Per il suo alto contenuto, la manifestazione ha ottenuto il  patrocinio della Presidenza del Consiglio dei ministri, del ministero dell’Istruzione Università e ricerca, della Regione Lombardia, delle Province di Brescia e Trento e dei comuni di Brescia, Riva del Garda,  Limone del Garda e Bardolino. All’organizzazione della manifestazione collabora il Club Benaco Autoclassiche di Bardolino.
Una particolarità di questo storico raduno e che tutti gli equipaggi di auto e moto, dovranno indossare abbigliamento d’epoca consono all’anno di costruzione del proprio mezzo, per tutta la durata della manifestazione, creando così uno spettacolo nello spettacolo.
Alla “Settimana Motoristica Bresciana 2013” prenderanno parte anche motoscafi d’epoca, con esibizioni di abilità, ormeggio, soccorso nelle acque del Lago di Garda.
Non mancheranno inoltre aerei d’epoca, ricreando così il famoso slogan “terra, mare, cielo” caro alla grande Casa automobilistica torinese.