Torino – Anche nel 2014 saranno le rassegne torinesi ad aprire la stagione fieristica, dedicata al mondo del motorismo d’epoca e allo sport, proprio nel momento in cui si comincia a pensare di rimettere in marcia i propri veicoli o si pensa a qualche nuovo acquisto. L’abbinamento tra il tradizionale salone Automotoretrò e l’innovativo Automotoracing si è rivelato una scelta vincente e i risultati conseguiti negli ultimi quattro anni dalla “festa del motorismo” di Lingotto Fiere, ne sono la conferma. Le rassegne infatti sono passate da 30mila visitatori del 2010, ai 44mila del 2013 e gli espositori sono aumentati da 400 a 700. Sono incrementi ottenuti con una progressione ragionata ma costante, frutto di un lavoro che inizia praticamente il giorno della chiusura della rassegna precedente. Incrementi che non sono stati ottenuti snaturando la filosofia di Automotoretrò, ma adattandola al mutare dei gusti e del momento economico.
Sarà così anche per l’edizione 2014, dal 7 al 9 febbraio, per la quale ci si attende sia il costante sviluppo del settore storico, che sta vivendo, malgrado la congiuntura sfavorevole, un momento di grande vivacità, sia la conferma di quanto seminato in Automotoracing, con il successo particolare dell’edizione 2013, che ha visto il bellissimo padiglione Oval, interamente dedicato alle auto sportive e alla componentistica, al II Piemonte Custom con moto private customizzate, Case, preparatori e club, all’Expo Tuning Torino, un settore in costante sviluppo che nel 2013 ha ospitato oltre 200 auto.
Alcune Case costruttrici hanno capito l’importanza di queste rassegne, nelle quali si possono inserire iniziative anche di tipo commerciale, dedicate ad un pubblico, già di per sé sensibile e interessato all’argomento. Negli ultimi anni infatti si nota, da parte dei costruttori, un sempre più ampio uso sul piano stilistico, marketing, immagine, commerciale e pubblicitario del passato storico del proprio Marchio. Questo atteggiamento lo si riscontra sempre maggiormente in rassegne quali quelle torinesi, dove in alcuni casi, la vettura d’epoca viene esposta insieme al modello nuovo al quale si ispira. Questo mutato atteggiamento vale anche in ambito motociclistico per esempio con la nuova Honda CB 1100 ispirata alla famosa CB 750 degli anni ’70.
Non mancherà nell’edizione 2014 il tradizionale aggancio ad anniversari di marche, modelli e competizioni, né l’attenzione all’area modellismo curata da Funtoys, ai settori ricambi, accessori, editoria e al vastissimo settore dell’Automobilia” che raggruppa quel meraviglioso mondo di oggetti di ogni genere che ruota intorno al collezionismo automotoristico.
La novità organizzativa dell’edizione 2014 è l’apertura della rassegna alle ore 10:00 del venerdì concedendo così al pubblico, cinque ore in più per ammirare, trovare, scegliere e comprare. Gli organizzatori stanno lavorando alla creazione di nuovi eventi per venire incontro alle aspettative dei visitatori.