Milano – Debutta in Italia Kia Soul Eco-electric, che sarà commercializzata nel corso del 2015.
<<Soul Eco-electric rappresenta una vera e propria dimostrazione di forza del nostro brand – spiega Giuseppe Bitti, ad di Kia Motors Italia – un concentrato di tecnologia capace di posizionarsi immediatamente come riferimento all’interno del mercato delle vetture a zero emissioni. Stile e design come biglietto da visita, ma anche un autonomia record e un piacere di guida identico a quello offerto dalle vetture termiche. Senza dimenticare la garanzia estesa a 7 anni anche per quanto riguarda le batterie>>.
Come nelle versioni a motore termico, la Soul Eco-electric adotta il nuovo stile che ha evoluto la personalità unica di Kia Soul. La versione elettrica si distingue dal resto della gamma per alcuni dettagli estetici come i cerchi in lega aerodinamici, le luci posteriori a Led e il badge “Eco-electric” alla base del montante parabrezza.
La griglia frontale è stata completamente ridisegnata al fine di integrare lo sportello di ricarica. Inoltre, sia il paraurti anteriore che quello posteriore sono stati modificati per aumentarne l’aerodinamicità e l’efficienza. Gli interni hanno un’ulteriore specificità: sono infatti costruiti utilizzando materiali innovativi a basso impatto ambientale, come la cellulosa e la canna da zucchero. La Soul Eco-electric è anche la prima Kia a utilizzare il cruscotto elettronico Oled (Organic Led) e la plancia realizzata con un processo di doppia iniezione che migliora la sensazione di qualità e il soft touch della superficie.
Il sistema Avn (Audio-Visual Navigation) è ripreso da quello della versione termica con l’aggiunta delle funzioni dedicate alla versione elettrica, come la climatizzazione programmabile e il controllo della ricarica. Una serie di accorgimenti sono stati adottati per ridurre “l’ansia da autonomia”: fra questi il controllo dei consumi energetici, la ricerca automatica dei punti di ricarica e il calcolo in tempo reale dell’autonomia residua.
La Soul Eco-electric utilizza un motore elettrico da 81,4 kW, che eroga 285 Nm di coppia, e dispone di un pacco batterie del tipo polimeri di ioni di litio della capacità di 27 kWh collocato nel pianale in modo da non interferire con lo spazio a disposizione per l’abitacolo. Il motore è in grado di spingere la vettura alla velocità massima di 145 km/h e di accelerare da 0 a 100 km/h in meno di 12 secondi. L’autonomia massima raggiungibile è di oltre 210 km grazie all’eccezionale densità di energia (il rapporto fra energia contenuta e peso della batteria) pari a 200 Wh/kg.
Per ottimizzare il recupero dell’energia in frenata e assicurare la massima autonomia possibile, la Soul Eco-electric è dotata di un sistema regolabile su tre modalità alle quali corrispondono altrettanti livelli di effetto frenante e rigenerazione da parte del motore. Il pilota può scegliere due differenti modalità base di guida, “Drive” e “Brakes”, delle quali la seconda è impostata per avere una maggiore decelerazione in rilascio. Ciascuna modalità viene ottimizzata, a richiesta, con il programma “Eco-mode” previsto per ottenere il massimo di efficienza e di autonomia possibili regolando automaticamente tutte le funzioni, dal motore al sistema di climatizzazione. Uno speciale circuito di riscaldamento controlla la temperatura di esercizio delle batterie e migliora l’efficienza della ricarica anche a bassissime temperature.
La Soul Eco-electric può essere ricaricata da una normale presa di corrente  o da una stazione di ricarica attraverso due connessioni standard che corrispondono alle standardizzazioni Sae J1772 oppure ChadeMo per la ricarica rapida a corrente continua a 480V. Utilizzando il cavo di ricarica di bordo a 6,6 kW il tempo di ricarica varia da 24 ore per un impianto a 120 volt a meno di 5 ore per un impianto a 240 volt. Con un sistema di ricarica rapida a corrente continua da 100 kW sono sufficienti 25 minuti per ricaricare le batterie all’80%.

Elettra Cortimiglia
Generazione ‘95, è amante della musica, in particolare dei Linkin Park. Conosce il mondo dei motori perché si ritrova in famiglia due giornalisti d’auto. Per la serie: non c’è 2 senza 3! Gestisce una bellissima pagina Facebook dedicata ai Linkin Park e al vocalist della band.

NO COMMENTS

Leave a Reply