Parlando di guida autonoma è necessario affrontare anche il discorso legale/assicurativo. In Giappone, Toyota e Aioi Nissay Dowa Insurance lanceranno a breve la prima assicurazione basata sui comportamenti di guida registrati dalla telematica di bordo. Ma senza dover attendere l’avvento delle auto a guida autonoma, già oggi si può constatare l’ampia diffusione di sistemi di sicurezza “intelligenti” integrati – i cosiddetti Adas (Advanced Driver Assistance Systems) – in grado di ridurre le conseguenze e i danni causati da incidenti stradali.

Il Gruppo ITAS Assicurazioni, la compagnia assicuratrice più antica d’Italia e una delle pochissime mutue presenti, ha scelto di muoversi in tal senso e premiare i propri assicurati con ITASafety Car, la prima agevolazione assicurativa che in base al livello tecnologico dell’auto consente di risparmiare fino al 25% rispetto alle polizze standard.

La diffusione dei sistemi avanzati di sicurezza punta a ridurre gli incidenti automobilistici fino al 45,4% con l’obiettivo finale di dimezzarli entro il 2020commenta Maria Concetta Algeri, responsabile del settore auto di ITAS Mutua -. Per questo, abbiamo identificato i principali parametri per la sicurezza delle auto del futuro andando a creare un’agevolazione sulla polizza auto pensata proprio per premiare gli automobilisti che scelgono di investire in queste tecnologie per la sicurezza propria e altrui”.

La compagnia assicurativa ha già stilato una lista di modelli (che potete vedere più giù) che possiedono sistemi di sicurezza all’avanguardia, basandosi su una serie di test ideati ed eseguiti dal protocollo europeo Euro NCAP. Nella lista, che sarà aggiornata ogni tre mesi, sono presenti alcuni modelli Volkswagen come la Polo, Volvo S90, Alfa Romeo Stelvio, Seat Arona, Mazda CX-5 e anche diversi modelli Bmw, Mercedes e Citroen.

Leggi anche: La Fiat Punto è la prima auto a ottenere 0 stelle ai crash test