Una recente statistica dell’Automobilclub tedesco Adac ha evidenziato che il 39% delle problematiche di tutte le auto è da ricondurre alla batteria e un’indagine svolta nel 2016 da Johnson Controls – la più grande azienda a livello globale nella produzione di batterie per il settore automobilistico – su un campione di 67.000 vetture in 5 Paesi europei ha rilevato che il 32% delle batterie d’auto prese in esame versa in cattive condizioni, a fronte di una media europea del 26%.

Con l’arrivo del freddo, anche in Italia si registra la tendenza a portare la propria auto in officina per chiedere di montare le gomme invernali e di controllare le luci. La batteria, però, viene spesso trascurata, nonostante proprio nella stagione fredda subisca particolari sollecitazioni. L’impiego continuo del riscaldamento o del climatizzatore, infatti, assorbe molta corrente e richiede elevate prestazioni da parte della batteria, e solo chi la fa testare regolarmente può evitare spiacevoli sorprese.

Ma non sono solo freddo e ghiaccio le uniche cause che mettono alla prova la batteria dell’auto in inverno, anche l’uso irregolare dell’auto o ripetuti viaggi di breve durata ne influenzano la forza di avviamento. È bene quindi fare un check frequente della batteria rivolgendosi a un esperto (operazione solitamente gratuita e di pochi minuti) e per evitare di trovarla improvvisamente scarica effettuare un lungo viaggio almeno una volta al mese.

Nel caso fosse necessario sostituire la batteria, rivolgetevi sempre a un esperto, che userà utensili speciali per non interrompere il circuito di corrente fra la batteria e il computer del veicolo: una manovra sbagliata può provocare una perdita di dati nell’unità di comando del veicolo, che può creare problemi al riscaldamento dei sedili e in alcuni casi anche il guasto dei sistemi Stop & Start. Tutto ciò può rendere necessaria una riprogrammazione delle componenti elettroniche: un processo costoso e inutile. È sempre bene rivolgersi a un esperto, poi, anche in considerazione del fatto che la batteria non è sempre facile da trovare, e in alcuni casi è montata in modo complicato nel bagagliaio o nella zona dei piedi.

SHARE
Melina Famà
Siciliana doc e amante di scarpe, borse e buon cibo. Laureata in Linguaggi dei Media all'Università Cattolica di Milano, si avvicina al mondo dei motori grazie al fidanzato, che la istruisce quasi come un maschiaccio. Gattara nell'animo, è admin di @igers_messina.