Milano – Finalmente il settore turistico alberghiero italiano lancia evidenti segnali di ripresa con una crescita del 20% rispetto al 2005 e un giro d’affari che toccherà quota 2,4 miliardi di euro.
<>.
Almeno 15 milioni di persone in viaggio per le festività di Pasqua, secondo le stime di Telefono blu, l’associazione a tutela dei consumatori. Tra le città che si svuoteranno di più, al primo posto Roma con almeno 1 milione e 100mila partenze. Segue l’area metropolitana di Milano con 1milione, poi Napoli con 550mila, Torino con 450mila , Bologna con 380mila, Firenze con 250mila come Palermo, Bari con 150mila, Catania e Venezia con 120mila, Cagliari e Verona con 100mila.
Secondo l’osservatorio di Telefono Blu almeno una persona su quattro si allontanerà dalle metropoli, mentre, tra chi privilegia la vacanza all’estero, saranno oltre 3 milioni i visitatori di capitali europee e Mediterraneo in genere. Cresce la preferenza dei turisti stranieri che scelgono di trascorrere le vacanze pasquali in Italia con priorità per Roma e Venezia, mentre per i connazionali che si sposteranno le sistemazioni più gettonate rimangono, in primo luogo, casa di parenti ed amici (33%), poi albergo (27%) e casa di proprietà (18%) . Il 70% partirà con l’auto e saranno oltre 9 milioni i veicoli in circolazione, mentre il 19% prenderà il treno, il 9% l’aereo.
Da segnalare l’interessante iniziativa “Smania di sicurezza” organizzata dalla Polizia stradale e dalla Fondazione Ania che prevede l’allestimento lungo la rete autostradale italiana, di dieci postazioni gonfiabili, posizionate da Nord a Sud lungo la penisola, in cui gli automobilisti oltre a rifocillarsi potranno usufruire gratuitamente dei servizi di un meccanico ed un gommista per poi ripartire in sicurezza. L’iniziativa durerà 10 giorni (fino al primo maggio) e nelle aree in questione verranno fornite anche notizie sul traffico in tempo reale.
Per concludere è da segnalare la crescita del nuovo fenomeno che coinvolgerà anche a Pasqua centinaia di migliaia di persone: il turismo religioso. Anche quest’anno, spiega Telefono Blu, italiani e stranieri saranno impegnati in viaggi lungo i principali itinerari sacri.
Su base annua sono circa 1.300.000 i pellegrini che si recano in conventi e monasteri, circa il 13% in più negli ultimi 3 anni. In un anno il totale dei pellegrini che privilegiano i 2.058 santuari italiani sono 14 milioni. Secondo Telefono Blu questo tipo di turismo si sta affermando con forza nel nostro Paese, costituendo una nicchia ben superiore all’agriturismo, che raccoglie numeri inferiori ma è molto più pubblicizzato. (ore 9:00)