Milano, Il mondo delle motociclette da ormai diverso tempo ha aumentato la sua visibilità e piace sempre più e il 64esimo Salone internazionale della moto, cavalcando i tempi propizi, intende proporsi come un evento unico.
Per la prima volta dopo 50 anni il Salone si svolgerà in un anno pari e da quest’anno avrà cadenza annuale anziché biennale. Niente più alternanza dunque con l’equivalente Salone tedesco ma vera e propria competizione, che aggiungerà ulteriormente valore all’esposizione. La ricorrenza annuale farà sì che al Salone di Milano convergano tutti i maggiori produttori dell’industria delle due ruote italiana (che da soli coprono il 50% della produzione europea) ed internazionale, che non esporranno più in altre sedi, come al Motor show di Bologna, ad esempio, Salone la cui attrattiva si va consolidando col passare degli anni. Milano dunque ha tutta l’intenzione di far diventare il Salone del motociclo una vetrina importante in Europa e nel mondo. “Può diventare centro mondiale del motociclo”, sottolinea l’assessore alle Attività produttive Tiziana Maiolo, alla quale fa eco il direttore generale Eicma, Costantino Ruggiero, “Milano ha deciso di fare del Salone un evento straordinario”. E in effetti i numeri sono tutti a suo favore: 250.000 metri quadrati lordi di superficie occupata, di cui 60.000 all’esterno dove avrà luogo “Motolive” (ricca chermes di gare, esibizioni, prove, spettacoli e musica), oltre 1.000 marchi in rappresentanza di 32 Paesi, che esporranno le loro novità in un’area adibita a stand di 48.500 metri quadrati. L’industria italiana sarà presente al gran completo: Aprilia, Ducati, Guzzi, Malaguti, Mv Agusta, Piaggio, Grembo, Adler, Marzocchi, Sito ed altri presenteranno in esclusiva le loro novità.
Il 64esimo Salone del motociclo non sarà solo questo. Accanto all’esposizione, infatti, si colloca il Forum internazionale, solo per gli operatori, organizzato in collaborazione con Ambrosetti-The european house che verterà sul mercato Usa, un’iniziativa volta a focalizzare l’attenzione su un particolare mercato. Il Forum, sommato all’esposizione, sommato a “Motolive”, danno come risultato l’evento unico che era nelle intenzioni degli organizzatori creare. Sarà il riscontro del pubblico a dare conferma o meno.
Il Salone aprirà al pubblico il 16 novembre fino al 19; 14 e 15 le giornate riservate alla stampa e agli operatori del settore. Nessun rincaro del prezzo del biglietto, uguale allo scorso anno, 16 euro. Dall”organizzazione stessa proviene però, la lamentela per l”eccessivo prezzo del parcheggio auto, 14 euro per l”intera giornata. Per ovviare a tale problematica, chi arriverà in moto troverà posto in un”area di parcheggio gratuita. Un motivo in più per andare al Salone (se non altro per andarci in moto). (ore 18:13)

SHARE
Dario Cortimiglia
Giornalista professionista dal 2005, ottiene la laurea magistrale in Televisione, Cinema e Produzione Multimediale allo IULM e nel 2009 vince un concorso SKY per cortometraggi. Conclusione? Scrive di auto, ma è ancora convinto diventerà un grande regista. Founder & admin di @igers_messina e @exploringsicily.it.