Helmut Panke, per BMW il 2008 sarà un anno record!

Helmut Panke, per BMW il 2008 sarà un anno record!

Monaco di Baviera – Il presidente del Cda, Helmut Panke, nel corso dell’assemblea annuale dei soci del Gruppo BMW ha annunciato che il preventivato obiettivo di vendita di 1,4 milioni di unità originariamente previsto per il 2008, sarà raggiunto con un anno di anticipo, grazie all’alto gradimento della gamma di modelli del gruppo.
Panke ha aggiunto che entro il 2010 il target di consegne per tutti i marchi del gruppo (BMW, Mini, Rolls-Ryce) è stimato in 1,6 milioni di veicoli. Un dato che porterebbe al raddoppio delle vendite in soli 10 anni (dal 2000 al 2010). Il presidente della Casa tedesca ritiene che il 2006 sia sulla strada giusta per essere un anno record.
Nel primo trimestre, le vendite di automobili dei tre marchi sono cresciute del 13,9% a 332.923 unità. Le consegne del Marchio sono aumentate del 18,3% a 283.297 unità. Sempre in negativo le vendite di veicoli MINI a 49.519 unità (-6,%) a causa delle vicende dell’impianto di Oxford. A medio termine, tuttavia, l’ampliamento porterà ad una capacità produttiva di circa 240.000 MINI all’anno. Nel segmento superlusso, la Rolls-Royce Motor Cars ha consegnato 107 automobili Phantom ai clienti con una flessione del 15,1% rispetto allo stesso trimestre dello scorso anno. A parte l’imponente crescita nei volumi di vendita, il primo trimestre è stato ancora una volta caratterizzato da fattori esterni e dal guadagno una tantum di 375 milioni di euro provenienti dalla parziale liquidazione dell’obbligazione convertibile sulle azioni della Rolls-Royce plc. I guadagni del Gruppo sono cresciuti ad 11.618 milioni di euro, pari ad un aumento del 12,2% rispetto all’anno precedente. Nel primo trimestre 2006, il profitto prima delle tasse è cresciuto del 57,7% a 1.296 milioni di euro. Escludendo il sopramenzionato effetto una tantum, il profitto prima delle tasse è aumentato del 12% a 921 milioni di euro, superando nettamente il risultato dello scorso anno anche in termini operativi. Il profitto netto è cresciuto dell’80,6% a 948 milioni di euro. Gli avversi effetti valutari e gli alti prezzi delle materie prime hanno avuto un’influenza negativa sul profitto durante i primi tre mesi; tuttavia, è stato possibile compensare questi oneri in gran parte grazie al dinamico sviluppo commerciale del BMW Group, nonché all’attuazione di ulteriori misure atte ad aumentare l’efficienza. (ore 9:00)

NO COMMENTS

Leave a Reply