Torino – Come più volte anticipato nei giorni scorsi da Sergio Marchionne, ad Fiat, il Lingotto ha dato vita ad una nuova alleanza strategica che, nello specifico, porterà alla costituzione di una joint-venture paritetica con il Gruppo Credit Agricole.
L’alleanza denominata Fafs (Fiat auto financial services) servirà a gestire le principali attività finanziarie di Fiat Auto in Europa.
L’accordo è soggetto alla stipula della documentazione completa entro il 30 giugno 2007, ma verrà fatto ogni sforzo per completarla entro il 31 dicembre 2006, dopo l’ottenimento delle necessarie autorizzazioni da parte delle autorità competenti e l’esercizio da parte di Fiat Auto della call option su Fidis Retail Italia.
Le attività della nuova società comprenderanno il finanziamento alla rete di vendita di Fiat Auto, i servizi di leasing e gestione flotte, nonché le attività di finanziamento al cliente finale, ora svolte da Fidis Retail Italia (attualmente partecipata al 51% da Banca Intesa, Capitalia, Unicredit e San Paolo IMI). Inoltre la joint venture offrirà nuovi prodotti finanziari a clienti e concessionari Fiat Auto, beneficiando
dell’esperienza finanziaria di Crédit Agricole. Fafs opererà in 13 paesi europei e gestirà un portafoglio di circa 13 miliardi di euro.
Dall’operazione a Fiat Auto percepirà un corrispettivo per il 50% di Fafs pari a 1 miliardo di euro, corrispondente ad una valutazione del 100% della joint venture pari a 2 miliardi di euro. La gestione di Fafs sarà condivisa tra i due partners.
“Con questo nuovo accordo – ha commentato Sergio Marchionne – stiamo ampliando il perimetro della nostra strategia di alleanze al fine di rafforzare l’offerta finanziaria a concessionari e clienti. Questa alleanza tra una grande istituzione bancaria e un costruttore automobilistico leader rappresenta un nuovo punto di riferimento nel finanziamento delle vetture e sosterrà ulteriormente le ambizioni di Fiat Auto in tutto il continente europeo. Aver costituito questa partnership con un’istituzione finanziaria del calibro e della reputazione di Crédit Agricole è per noi motivo di grande soddisfazione”.
A sua volta René Carron, presidente del Crédit Agricole ha aggiunto: “questa operazione Crédit Agricole S.A. compie un passo avanti nella sua strategia di espansione internazionale, che rappresenta un elemento determinante del suo piano di sviluppo triennale”.
Intanto il titolo Fiat in Piazza Affari dopo l’annuncio dell’accordo siglato con Credit ha segnato un rialzo dell’1,48%. (ore 10:00)