Roma – Scende del 2% il debito netto di Alitalia. La posizione finanziaria del gruppo guidato da Giancarlo Cimoli, al 30 giugno, risulta di 896 milioni, rispetto ai 914 del 31 maggio precedente. Il debito si è ridotto quindi di 18 milioni di euro. Per Alitalia, la riduzione dell’indebitamento è riconducibile all’attivazione di investimenti a medio-lungo termine per 55 milioni con l’obiettivo di migliorare le condizioni complessive di impiego della liquidità gestita. Alitalia, in una nota, ha sottolineato che “in linea con le indicazioni ricevute dalla Commissione di vigilanza è stata operata una riclassifica che si concretizza nello scorporo dei dati pertinenti l’indebitamento a medio-lungo termine delle quote correnti in scadenza nei dodici mesi successivi e nell’inclusione di queste ultime nei dati relativi all’indebitamento finanziario a breve termine”. (ore 11:00)