Roma – Da ottobre esame multilingue per la patente di guida. Da qualche settimana, in 20 motorizzazioni, da Arezzo a Vicenza, è partita la sperimentazione. Cambia la dinamica della prova teorica: al posto di carta e penna il candidato interagirà con lo schermo di un pc e il test sarà disponibile, oltre all’italiano, in diverse lingue (russo, tedesco, arabo, cinese, spagnolo, inglese, francese). Una rivoluzione che nasce dai mutati fattori culturali della società: il numero degli immigrati che sostengono l’esame di guida è infatti raddoppiato negli ultimi due anni. Se nel 2003 le patenti conseguite da persone nate all’estero erano 153.271, nel 2004 sono salite a 207.971 per arrivare alle 330.259 del 2005. Cioè il 25,05% su 1.318.390 delle patenti conseguite in Italia. Al 31 marzo di quest’anno il numero di stranieri patentati nel nostro Paese ha toccato quota 1.889.979. (ore 9:30)