ROMA – Cresce il business turistico in Italia. Con un aumento della domanda che si aggira sui 300 milioni di euro. Le presenze turistiche nel Bel Paese, tra giugno e luglio, sono aumentate dello 0,5% e, entro settembre si prevedono altri 860mila arrivi. Questo quanto emerge da un’indagine della Fipe-Confcommercio tra titolari di pubblici esercizi (bar, ristoranti, lidi, parchi a tema). Curioso notare che, a privilegiare le vacanze in Italia, siano sempre più gli italiani rispetto agli stranieri. Mete preferite del popolo delle vacanze rimangono il mare e le città d’arte, anche se va affermandosi anche il wellness, cioé la vacanza nel centro benessere. Convincono un po’ meno le gite sul lago, le notti in discoteca e la quiete dei rifugi alpini. Il business turistico, nella Penisola, si aggira su 87 miliardi di euro, con una spesa estiva di 37 miliardi (il 41% del totale). Il settore che tira di più rimane quello enogastronomico (24% della spesa totale), seguito dagli alberghi (22%), servizi commerciali (15%), consumi domstici (11%), affitti (9%), intrattenimenti (9%), trasporti (6%) mentre solo il 4% della spesa riguarda i servizi balneari.(ore 9:30)