Fiat, avanti tutta

Fiat, avanti tutta

Torino – Dopo sei anni di caduta libera le azioni Fiat hanno ripreso a risalire. Dai minimi di aprile 2005 hanno realizzato un balzo del 122%. La cura Marchionne funziona. A funzionare sono sopratutto le strategie messe in atto dal Lingotto, impegnato a recuperare quote di mercato, aumentare i volumi di produzione, ridurre l’indebitamento ed espandersi sui mercati emergenti. A tal proposito è giunto l’ok dal governo cinese alla joint venture per la produzione di veicoli industriali pesanti e motori diesel tra la controllata Iveco e la cinese Saic.
La risalita azionaria ha spinto le agenzie di rating ad alzare i giudizi su gruppo torinese. S&P ha annunciato che potrebbe promuovere ulteriormente il Lingotto se i risultati stagionali continueranno a crescere. Grazie al contributo dei nuovi modelli, primo tra tutto la Grande Punto che viaggia oltre i 300.000 ordini, il risultato operativo del settore auto è tornato positivo negli ultimi tre trimestri, dopo ben 17 trimestri consecutivi in rosso. Alla fine del primo trimestre 2006 il profitto di Fiat Auto è salito all’1,5%. Nonostante ciò, gli analisti di Morgan Stanley si attendevano risultati ben più consistenti. La strada intrapresa da Fiat, in ogni caso, è quella giusta.(Ore 12:00)

NO COMMENTS

Leave a Reply