Bologna, “Ci pensa Fiat”, era lo slogan di tanti anni addietro rivolto a quanti acquistavano una vettura torinese. Era un invito a stare tranquilli, ad avere fiducia nell’assistenza del post vendita. Adesso, a distanza di anni, dopo che l’azienda di casa Agnelli è uscita dal tunnel più buio grazie alla cura dell’amministratore delegato di Fiat, Sergio Marchionne, il concetto è stato rilanciato in chiave più professionale e ampliamento descritto nell’incontro stampa sul tema «L’evoluzione del concetto di servizio al cliente» svoltasi nell’ambito di Autopromotec, rassegna biennale internazionale di attrezzature e prodotti per l’assistenza ai mezzi di trasporto in programma alla Fiera di Bologna, da mercoledì fino a domenica 27.
Quale migliore sede per affrontare un tema che tocca profondamente il rapporto tra casa automobilistica, rete di vendita e cliente. «Si è scoperto – ha ammesso Pierre Fleck, Parts e Services Fiat – che l’assistenza ed il servizio sono vissuti come noia, come seccatura, insomma, una parte non piacevole del rapporto con l’automobile. Sono attività necessarie ma che rubano tempo ed il tempo è uno dei valori fondamentali per chi acquista l’auto. Per aggirare questi ostacoli proponiamo una offerta di servizi innovativi e distintivi per rafforzare la fedeltà del cliente al nostro brand così da seguire l’acquisto durante tutto l’arco della vita della vettura. inoltre abbiamo ridefinito il posizionamento prezzo negli interventi in officina, con una riduzione media del 30% di 170 articoli come pastiglie freno, filtri, spazzole tergicristallo. Altro punto di forza la copertura del territorio (in Italia 700 concessionari e 4600 officine autorizzate, in Europa l’obiettivo da qui al 2010 è di aumentare il numero dei mandati del 10%, a tutto vantaggio della tempestività dell’assistenza e del miglioramento della logistica ricambi con 21 centri di distribuzione nel mondo». Molti lo hanno
visto in tv: Alessandro Gassman che a bordo di una bici, vestito solo di un accappatoio bianco, insegue la Ypsilon, credendo erroneamente che gli sia stata rubata. In realtà un autista la sta portando in officina per fare il tagliando. E’ lo spot promozionale che da l’avvio al Lancia Vip Service, in pratica un pacchetto di mobilità che hanno spiegato il responsabile del brand Lancia, Olivier Francois e Pierre Fleck, vice presidente della Parts and Services , nessuna casa automobilistica ha mai messo in piedi. Per la durata della garanzia per chi compra una Lancia c’è una officina mobile pronta ad intervenire 24 ore su 24 in caso di guasto e soprattutto un addetto
viene a ritirare a casa l’auto per il tagliando, come nello spot, fornendo nel contempo un taxi per la mobilità del cliente. Il tutto gratuitamente per 2 anni. In sei mesi già firmati 25 mila contratti a riguardo. A Bologna per presentare lo spot c’era il regista Ricky Tognazzi.
Presentati anche i loghi del nuovo servizio per i clienti Alfa Romeo
e Fiat.
Fiat Group Automobiles è il primo costruttore di auto in Europa ad utilizzare un unico numero che consente ai clienti di parlare nella propria lingua, ovunque si trovino (800 e digitando Fiat). Si è parlato anche di Magneti Marelli con importanti novità sulla rete di assistenza. Lo stand ecologico di Fiat Service, Lancia Vip Service e Alfa Services ospita una Lancia Musa, un’Alfa 159 con filtro antiparticolato ed una Fiat Bravo super accessoriata per dimostrare com’è cambiato l’approccio con il mercato ed il prodotto.
Magneti Marelli, infine, ha riacquisito il controllo delle attività legate alla distribuzione di ricambi automotive al mercato indipendente. L’annuncio ufficiale l’ha fornito Eugenio Razelli, amministratore delegato Magneti Marelli. (ore 10:00)