Milano, Si fa un gran parlare, di recente, di cibo deteriorato, conservato in condizioni poco igieniche, dannoso per la salute e il pensiero corre al ristorante cinese dove più volte abbiamo spensieratamente consumato, sforzandoci d’utilizzare le appropriate bacchette, un esotico pasto. Ma, dal Paese del sol levante, passata la bufera del dentifricio contraffatto e in pieno scandalo giocattoli verniciati con prodotti tossici (per la nota casa Mattel), ecco arrivare un’altra inquietante sorpresa.
E’ stata infatti messa in commercio una minimoto per veri amanti del brivido: una minimoto che può troncare le mani!
L’indagine ha avuto inizio da un sequestro compiuto dai militari della GdF dell’aeroporto di Genova, che hanno scovato delle pericolose minimoto fuori norma, commercializzate mediante corrieri espresso.
I militari, durante una conferenza stampa per la presentazione dell’operazione “Pocket Bikes”, hanno specificato che il distributore ne ha messo sulla piazza due modelli: uno di tipo stradale, l’alto per il fuoristrada.
Su entrambi sono stati riscontrati 30 elementi di difformità rispetto alle normative vigenti.
In particolare, è da rilevare la tossicità delle gomme che, surriscaldandosi, sprigionano vapori naftalenici cancerogeni.
Le saldature, poi, presentano crateri e incollature e non sono in grado di supportare il peso previsto.
Perfino le manopole sul manubrio sono montate malamente e potrebbero facilmente allentarsi e cedere.
Ma ciò che davvero è sconvolgente, è che la corona della catena potrebbe troncare una mano al pilota…
Già mille di questi “gioiellini” sono stati sequestrati dalla GdF di Genova in un distributore romano in seguito a perquisizioni effettuate ad Aprilia, Ariccia e Pomezia, ma in circolazione ce ne sarebbero ancora 13.000.
A volte, davvero, la realtà supera la fantasia. Altro che il famoso film “Christine, la macchina infernale”, dove un’auto dotata di volontà propria sterminava la gente! Nell’estate 2007 il terrore corre su un involtino primavera… (ore 13:30)

NO COMMENTS

Leave a Reply