Roma – Nonostante il mercato dell’auto italiano abbia segnato un po’ il passo negli ultimi due mesi, dai dati raccolti e diffusi dall’Istat è risultato che il fatturato dell’industria degli autoveicoli ad agosto è aumentato del 42,4% rispetto allo stesso mese dello scorso anno, mentre gli ordinativi sono cresciuti del 31,2%.
La crescita è stata determinata da un ampliamento del 55,1% del mercato interno e del 25,7% di quello estero.
Per gli ordinativi l’aumento deriva da una crescita del 24,1% a livello nazionale e del 42,7% all’estero. Quanto all’indice relativo all’industria nel suo complesso, l’indice degli ordinativi è cresciuto su base annua del 21,7%, con un aumento che è risultato il maggiore da luglio 1995 (+22,2%). Gli ordinativi sono aumentati rispetto al mese precedente dell’8,2% mentre in 8 mesi l’aumento tendenziale è stato dell’11,5% derivante da una variazione positiva del 10,1% per gli ordinativi provenienti dal mercato interno e del 14,3% per quelli provenienti dall’estero.
Buone notizie anche sul fronte del noleggio, che in Italia nel primo semestre del 2006, rispetto allo stesso periodo 2005, ha registrato un aumento del 10% del fatturato, a 2,260 mld di euro. le immatricolazioni, come risulta da uno studio pubblicato da Aniasa (Associazione nazionale industria dell’autonoleggio sottolinea) sono state 218.000 (+28%), che rappresentano il 12% del mercato nazionale dell’auto. (ore 12:00)