Roma – Come è stato largamente dimostrato dall’11 settembre in poi, l’acuirsi delle misure di sicurezza in ciascuna delle attività del vivere quotidiano, in particolar modo in tutto ciò che riguarda gli spostamenti aerei, anche quando potevano apparire eccessive o addirittura superflue, al contrario si sono spesso rivelate inconsistenti e inadeguate. Ne è ampia testimonianza la mancata strage di proporzioni catastrofiche che doveva abbattersi lo scorso agosto sul Regno Unito passando per gli aeroporti di Londra, Manchester e Glasgow: obiettivo del complotto terroristico erano voli delle linee aeree United, American e Continental diretti ai principali aeroporti di New York, Washington, Los Angeles, Boston. Gli attentatori avrebbero fatto detonare in volo alcune armi chimiche che in forma liquida erano contenute in recipienti che avrebbero potuto passare indenni il controllo del bagaglio a mano al metal detector (dentifrici, bagnoschiuma, shampoo).
Da quel momento in poi l’Unione europea ha iniziato a pensare ad una normativa comune che servisse a proteggere i passeggeri dalla nuova minaccia terroristica costituita dagli esplosivi in forma liquida. L’Enac ha da ieri recepito il regolamento, che entrerà in vigore da lunedì 6 novembre 2006 in tutti gli aeroporti dell’Unione Europea, nonché in Norvegia, Islanda e Svizzera, che comporta limitazioni nella quantità di sostanze liquide che è possibile portare attraverso ed oltre i punti di controllo di sicurezza aeroportuale. Alle nuove regole sono soggetti tutti i passeggeri in partenza dagli Aeroporti dell’Unione Europea, compresi i voli nazionali, qualunque sia la loro destinazione.
Ciò significa che ai punti di controllo di sicurezza aeroportuale ciascun passeggero ed il relativo bagaglio a mano saranno controllati per individuare, oltre agli altri articoli già proibiti dalla normativa vigente, anche eventuali sostanze liquide. Le nuove regole non pongono alcun limite alle sostanze liquide che si possono acquistare presso i negozi situati nelle aree poste oltre i punti di controllo o a bordo degli aeromobili utilizzati da Compagnie Aeree appartenenti all’Unione Europea.
Resta immutata la possibilità di introdurre senza limitazioni i liquidi nel bagaglio da stiva (quello consegnato al check-in per essere ritirato nell’aeroporto di destinazione), mentre quelli che andranno nel bagaglio a mano, ossia quello che viene presentato ai punti di controlli di sicurezza aeroportuale, saranno ammessi solo liquidi contenuti in recipienti aventi ciascuno la capacità massima di 100 millilitri od equivalenti (es: 100 grammi) ed i recipienti in questione dovranno poi essere inseriti in un sacchetto di plastica trasparente e richiudibile, di capacità non superiore ad 1 litro (ovvero con dimensioni pari ad esempio a circa cm 18×20) che potrà essere anche uno di quelli utilizzati per il congelamento degli alimenti, purché sia possibile chiudere il sacchetto con il rispettivo contenuto (cioè i recipienti dovranno poter entrare comodamente in esso). Per ogni passeggero (infanti compresi) sarà permesso il trasporto di un solo sacchetto di plastica. Possono essere trasportati al di fuori del sacchetto, e non sono soggetti a limitazione di volume, le medicine ed i liquidi prescritti a fini dietetici, come gli alimenti per bambini.
Al fine di agevolare i controlli sarà poi obbligatorio presentare agli addetti ai controlli di sicurezza tutti i liquidi trasportati come bagaglio a mano, affinché siano esaminati; togliersi giacca e soprabito: essi verranno sottoposti separatamente ad ispezione; estrarre dal bagaglio a mano i computer portatili e gli altri dispositivi elettrici ed elettronici di grande dimensione. Essi verranno ispezionati separatamente rispetto al bagaglio a mano.
Sul sito www.enac-italia.it è possibile consultare l’elenco dei liquidi sottoposti a restrizioni che comprende:
1. acqua ed altre bevande
2. minestre
3. sciroppi
4. creme, lozioni ed olii
5. profumi
6. sprays
7. gel, inclusi quelli per i capelli e per la doccia
8. contenuto di recipienti sotto pressione, incluse schiume da barba, altre schiume e deodoranti
9. sostanze in pasta, incluso dentifricio
10. miscele di liquidi e solidi
11. mascara
12. ogni altro prodotto di analoga consistenza

Sarà comunque possibile trasportare liquidi all’interno del bagaglio da stiva, trasportare, all’interno del bagaglio a mano, possibilmente limitandoli a quanto necessario per il viaggio aereo, medicinali e prodotti dietetici, come gli alimenti per bambini. Unico piccolo inconveniente, il personale dell’aeroporto potrebbe chiedere al passeggero di assaggiare l’alimento o il medicinale trasportato o di spalmarsi sulla pelle la crema o la lozione. Sarà anche ammesso acquistare liquidi, come bevande e profumi, nei negozi situati oltre i punti di controllo di sicurezza, ed anche a bordo degli aeromobili utilizzati degli aeromobili in quanto tali prodotti saranno confezionati in buste sigillate dove verrà inserita anche la prova d’acquisto. Per aprirli si dovrà comunque attendere di essere arrivati alla destinazione finale le nelle quali
Tutti questi liquidi sono in aggiunta alle quantità che devono essere contenute nel sacchetto di plastica trasparente e richiudibile precedentemente menzionato.
In caso di dubbi, prima di intraprendere il viaggio è bene rivolgersi alla propria compagnia aerea o agente di viaggio, collegarsi al sito dell’Enac o chiamare l numero verde 800-898121. (ore 10:00)

NO COMMENTS

Leave a Reply