Roma – Segnali d’apertura arrivano da Bruxelles sulla vicenda Autostrade.
Charlie McCreevy commissario europeo al mercato Interno ha fatto sapere attraverso il suo portavoce, Oliver Drewes, che: “L’avvio di una procedura d’infrazione all’Italia è stato un atto dovuto, bisogna essere certi che le regole europee vadano rispettate, ma siamo fiduciosi che troveremo una soluzione col Governo italiano su Autostrade. Siamo molto felici – ha concluso il portavoce di McCreevy – che l’Italia stia lavorando su questo tema. L’Italia ha detto che risponderà nei tempi previsti alla procedura di infrazione avviata nei suoi confronti dall’Ue”.
Intanto il commissario Ue al mercato interno ha fatto sapere che non ha in programma nessun incontro con il ministro delle Infrastrutture, Antonio Di Pietro al momento, ma che sarebbe ben felice di vederlo se lui lo chiedesse.
A sua volta Di Pietro al momento è impegnato nella risoluzione di alcune beghe interne relative alla Finanziaria che prevede una revisione del sistema delle concessioni autostradali.
Il ministro ha, infatti, ribattuto alle affermazioni del presidente di Autostrade, Gian Maria Gros Pietro (che chiedeva di stralciare l’articolo della Finanziaria sulle revisioni delle concessioni autostradali) che “piuttosto che insistere per cambiare la legge, vorrei dire che la legge va rispettata”.
Per concludere il Gruppo Autostrade può consolarsi nel frattempo con una buona notizia: l’Antitrust polacco ha dato il proprio via libera al perfezionamento dell’operazione con la quale Autostrade spa prende il controllo di Stalexport S.A. Finora la società italiana deteneva il 21,7% di Stalexport, che dal 1997 è titolare della concessione autostradale della A4 Cracovia-Katowice, con scadenza nel 2027. (ore 9:17)

NO COMMENTS

Leave a Reply