Torino – Sergio Marchionne, a.d. di Fiat non è preoccupato dal cattivo andamento del mercato auto europeo emerso dai dati diffusi ieri, ne tantomeno dal tentennamento delle Borse Ue: “Il problema – ha spiegato il top manager incontrando i giornalisti al Salone automobilistico di Ginevra – non sono i dati di ieri perché le dichiarazioni sul mercato europeo sono state fatte stamani. Il mercato borsistico viene interpretato da ciascuno nel modo che vuole: la grandissima ingiustizia – ha spiegato – del trattamento del titolo Fiat è che quando si parla di un calo del mercato europeo, non si tiene conto delle attività della Iveco e della Cnh, che vanno molto bene. Qualora il mercato europeo dell’auto scendesse anche del 2%, il dato non avrebbe un grande impatto sul gruppo Fiat”. (ore 11:50)

NO COMMENTS

Leave a Reply