Roma – Il ministro per lo Sviluppo Economico Pierluigi Bersani, ha risposto a Luca Squeri della Figis Confcommercio che in rappresentanza dei gestori delle pompe di benzina, che lo accusava di “atteggiamento pilatesco nel momento in cui dice il provvedimento è in mano al Parlamento” e di essersi “sottratto al confronto con i benzinai decidendo sopra le nostre teste” affermando: “Confermo la mia volontà a discutere e Ponzio Pilato non è il mio abito e a proposito dell’abbassamento del prezzo del carburante di 2, 3 centesimi, nonostante sembri di lieve entità, si tratta di un colossale fatto economico”. E al pericolo di una ‘desertificazione’ della rete di distribuzione dei carburanti paventata da Squeri come è accaduto in Francia a favore della grande distribuzione, il ministro ha replicato di “non avere in testa il meccanismo francese”.
Quanto all’Rc auto, Bersani ha invece aggiunto: “Non mi aspetto che domattina si abbassino le tariffe, ma se con l’introduzione dell’indennizzo indiretto, nel medio periodo, i prezzi non scenderanno, ce ne inventeremo delle altre. Abbiamo un sistema Rc auto che costa troppo – ha continuato Bersani – e non è una soluzione accettabile”. (ore 12:00)

NO COMMENTS

Leave a Reply