Roma – Il ministro dell’Economia e delle Finanze, Tommaso Padoa-Schioppa, parlando davanti alle Commissioni Bilancio e Finanze del Senato ha dichiarato che: “L’elemento chiave nell’aggiudicazione della gara per la privatizzazione di Alitalia sarà il piano industriale che presenteranno i potenziali acquirenti”.
Il ministro ha sottolineato che la scelta di vendere Alitalia, non ha voluto dire per il Governo “disfarsi di una patata bollente”, ma modificare l’assetto proprietario della compagnia per ottimizzarne la gestione.
Alitalia operava in un mercato protetto, al contrario di altre compagnie non ha saputo vincere la sfida della concorrenza. Il ministro ha anche spiegato che Alitalia ha perso in 10 anni, dal 1996 al 2006, 3,2 miliardi di euro e l’ammontare delle ricapitalizzazioni ha toccato quota 4,5 miliardi di euro.
Per questo il prezzo rappresenterà solo un elemento di valutazione nella scelta del futuro acquirente. “Prima ancora del prezzo – ha assicurato Padoa-Schioppa – esamineremo le caratteristiche e le qualità del piano industriale. Ad esempio – ha spiegato – a fronte di un piano che prevede sviluppo per la compagnia e cospicui investimenti ma con un prezzo inferiore e di un piano, invece, più ridimensionato e contenuto ma con un prezzo più alto, privilegeremo chi avrà presentato un piano che assicuri sviluppo. Insomma, lo Stato sollecita un piano industriale e per queste le condizioni non sono troppo tassative”.
La tabella di marcia prevede che entro metà aprile si concluda la fase due della presentazione delle offerte non vincolanti da parte dei potenziali acquirenti e il loro esame. Fase in cui è possibile che operatori del trasporto aereo che fino ad ora avevano deciso di non partecipare possano aggregarsi alla cordate già in campo. Mentre la fase tre, che culminerà nella aggiudicazione della procedura con la stipula del contratto, dovrebbe concludersi entro la metà di giugno.
Quanto al nuovo cda, è intervenuto il ministro dei Trasporti Alessandro Bianchi a chiarire che questo dovrebbe insediarsi il 22 febbraio Per quella data l’assemblea degli azionisti, in prima convocazione, dovrebbe riunirsi per la nomina del nuovo board. A margine di un’audizione alla Camera, il ministro ha aggiunto che il presidente della Commissione Trasporti ha chiesto la disponibilità per un’audizione congiunta insieme al ministro dell’Economia Padoa-Schioppa su Alitalia. (ore 11:10)