Roma – E’ scattato, a titolo precauzionale, il piano di emergenza a Stromboli, dove si sono aperte due bocche eruttive. Si sono generate due colate laviche. Dai dati riportati dall’Istituto nazionale di geofisca e vulcanologia, la frattura è a 600 metri alla base del cratere di Nord-Est. Alle 13:50 è fuoriuscita la lava che ha invaso il campo eruttivo della Sciara del fuoco del 2003, arrivando sino al mare. Quindi si è originata la seconda colata. Già ricercatori dell’Ingv di Catania stanno effettuando un sopralluogo nella zona con un elicottero della Protezione civile. Si è mobilitata anche la guardia costiera. A Lipari e Panarea le persone sono state allontanate dalla linea di costa.
Secondo gli esperti l’eruzione non costituisce attualmente un pericolo per le persone e per le cose. Infine, il presidente dell’Istituto di geofisica e vulcanologia, Enzo Boschi, ha escluso il rischio di maremoti. (ore 15:00)