Roma – Il 25 e il 26 Marzo Toyota Motor Italia ha festeggiato il successo ottenuto con l’iniziativa promozionale, lanciata nell’Aprile 2007, per avvicinare i conducenti di Taxi a Toyota Prius.
Le ragioni della proposta Toyota Prius ai tassisti nascono dalla consapevolezza da parte di Toyota Motor Italia, di avere un veicolo che, per funzionamento e caratteristiche tecniche, si adatta perfettamente all’uso di un taxi. Un taxi deve rispondere ad esigenze imprescindibili. E’ una scelta razionale per chi con l’auto percorre in media tra i 60 e gli 80 mila chilometri l’anno, in città tra un semaforo e l’altro, in coda nel traffico. Vita dura per la meccanica del veicolo e vita dura per chi lo deve guidare per molte ore al giorno. Questo accade quando il taxi è in movimento. Quando è fermo, a differenza di tutti gli altri veicoli, ospita a bordo il suo conducente che aspetta il cliente. Accade quindi di vedere fermo in piazzola un taxi con il motore acceso per riscaldare l’abitacolo di inverno e raffreddarlo d’estate. Il motore elettrico della Toyota Prius aiuta proprio in quelle fasi. Il risultato è: consumi molto ridotti rispetto ad un veicolo tradizionale e prestazioni molto superiori rispetto ad un veicolo della stessa cilindrata. Il tassista a bordo della Toyota Prius scopre tre caratteristiche che cambiano radicalmente la propria vita, il proprio lavoro. Per prima cosa consumi estremamente ridotti (urbano 5,0 l/km, extraurbano 4,2 l/km, misto 4,3 l/km) che può stare fermo in piazzola con l’aria condizionata o il riscaldamento acceso senza dover accendere il motore del suo taxi a detrimento della meccanica, dei consumi e dell’aria che circonda il veicolo. Scopre inoltre, che mai più dovrà spingere a mano il suo taxi in fila all’aeroporto o alla stazione. Toyota Prius si muove silenziosa grazie alla sola propulsione elettrica e avanza nello stop & go come per miracolo senza consumare una sola goccia di benzina. (ore 13:00)