Roma – Raggiunto al tavolo politico sulla Tav Torino-Lione allestito a Palazzo Chigi, un accordo su cinque punti per realizzare entro i tempi indicati dalla Ue, uno schema di progetto di tracciato con alcuni punti fermi: no al tunnel a Venaus, attestamento della linea a Orbassano, corso Marche, a Torino, parte integrante del progetto e utilizzo della linea storica con un parziale interramento.
Quindi il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, Enrico Letta, al termine della riunione ha annunciato che il Governo, entro il 23 luglio, presenterà alla Ue la richiesta di finanziamenti per la Tav. Analoga richiesta di finanziamenti sarà avanzata per tempo per il Brennero e per la linea Trieste-Slovenia.
“La Tav è un banco di prova importante – ha detto Letta – il Governo certifica un passo avanti. Contiamo in altri passi avanti nelle prossime settimane, nel rispetto dell’autonomia delle autorità locali”. (ore 10:20)

NO COMMENTS

Leave a Reply