Praga – Fiat, GM-Opel, Daewoo, Volkswagen-Skoda in Polonia; Volkswagen-Skoda in Repubblica Ceca; Volkswagen-Skoda in Slovacchia; Suzuki,Audi e GM-Opel in Ungheria. Prossimi arrivi, Hyundai in Polonia, PSA (Peugeot e Citroen)-Toyota in Repubblica Ceca, Psa e Hyundai in Slovacchia. Alla fiera dell’est gl’investimenti da parte delle industrie automobilistiche sono a getto continuo e già sin da ora si può a ragion veduta parlare di un polo dell’auto che è più che emergente dal momento che si consolida e si amplia senza soste. Insieme al vastissimo mercato cinese, quello dell’ex blocco comunista costituisce la torta alla cui spartizione nessuno tra i costruttori europei ed orientali (giapponesi e coreani) vuole mancare. Bastano i numeri per dimostrare quanta valenza ha quest’area che accorpa Polonia, Ungheria, Repubblica Ceca e Slovacchia: 1,5 milioni di auto prodotte all’anno con una programmazione totale di 2,4 milioni entro il 2007 e di 2,7 nel 2010; nei primi 6 mesi del 2003 Volkswagen ha raggiunto la quota di mercato del 25,3%, seguita da Renault (che non ha ancora un polo produttivo) col 19,0%, Psa 13,9%, Fiat 10,1%, GM-Opel 8,1%, Ford (anche questa marca senza poli produttivi) 5,8%, Suzuki 4,6%, altri costruttori insieme 13,2%.
Quasi tutte le auto prodotte in quest’area sono city car o piccole compatte, a parte l’Audi che in Ungheria a Gyor produce la sportiva TT. Comunque tutti i costruttori sono attirati dai bassi costi di produzione (salari bassissimi seppure in rapido aumento), dalla vicinanza con i ricchi mercati del Vecchio Continente nei quali viene esportata l’80% della produzione, l’imminente ingresso nell’Unione Europea di ben 8 Paesi dell’Est con i vantaggi in termini di circolazione delle merci e delle persone che questo ingresso garantira, infine la pianificazione della divulgazione della mobilità di massa i una territorio che cpomprende poco più di 60milioni di abitanti con ottime prospettive di crescita (allo stato attuale il Paese piu’ interessante è la Polonia con quasi 40 milioni di abitanti).
In questo contesto e con queste prospettive, anche se i costruttori attingono a fornitori locali per gran parte della componentistica, è anche in fase di evoluzione la corsa per acquisire commesse che vede impegnati big come Delphi, Visteon, Bosch, Magneti Marelli, Valeo, Futaba, mentre si apre di riflesso il mercato nel quale operano aziende che si dedicano alla specizlizzazione di prodotto.
Alla fiera dell’Est, quindi. Venghino, signori, venghino!

Dario Cortimiglia
Giornalista professionista dal 2005, ottiene la laurea magistrale in Televisione, Cinema e Produzione Multimediale allo IULM e nel 2009 vince un concorso SKY per cortometraggi. Conclusione? Scrive di auto, ma è ancora convinto diventerà un grande regista. Founder & admin di @igers_messina e @exploringsicily.it.

NO COMMENTS

Leave a Reply