Roma – Dopo l’accordo raggiunto tra Cai e i sindacati confederati (Cgil, Cisl, Uile Ugl) Sabelli, a.d. di Cai, ha affermato che la nuova Alitalia potrebbe già iniziare a volare dal primo Dicembre. Piloti e assistenti di volo Anpac, Up, Sdl, Avia, e Anpav, che non hanno voluto siglare la proposta vincolante presentata da Colaninno e soci, restano fermi sulle loro posizioni intransigenti e da stamani sono riuniti in assemblea a Fiumicino.
Da fonti interne si è appreso che non si escludono iniziative di lotta. Tomaselli, coordinatore nazionale dell’Sdl, ha fatto sapere che le sigle dissidenti sono pronte ad intraprendere azioni legali per stabilire la validità degli accordi Cai. Ed intanto si apre un altro fronte di lotta per la possibile  iniziativa  di Colannino che potrebbe ricorrere alla chiamata nominativa se i piloti non dovessero ripensarci. Per la nuova Alitalia, inoltre, resta ancora aperta la questione del partner straniero, secondo Sabelli il nuovo alleato arriverà a Novembre o Dicembre, la questione del “chi sarà” resta invece ancora una incognita gigantesca. (ore 10:00)