Detroit – Con l’avvento di YouTube siamo ormai abituati a vedere on line qualunque tipologia di video, ma ancora non era mai capitato che una azienda internazionale delle dimensioni di General Motors decidesse portare in rete la propria crisi economica.
Le devastanti conseguenza per l’America del collasso della sua industria automobilistica e la necessità immediata di un pacchetto di aiuti per il settore sono i punti essenziali di un video apparso sul popolare sito Internet, scovato dall’agenzia Apcom, e messo on line, appunto da GM.
Si tratta di 4 minuti di filmati da quale emerge fondamentalmente un quesito: «Che cosa succede se crolla Detroit?». Le conseguenza, spiega il video, sarebbero drammatiche: tre milioni di disoccupati nel primo anno e altri 2,5 milioni nei successivi due. Un costo complessivo per lo Stato in sussidi, assistenza sanitaria e riduzione di entrate fiscali pari a 156 miliardi di dollari solo nei primi tre anni. E tutto questa rischia di accadere molto presto: «ll collasso è imminente», avverte il filmato. Ma evitarlo è possibile: servono 25 miliardi di dollari di aiuti da parte del Governo.
Il video si chiude con la domanda «Che cosa fareste voi?», e l’appello, rivolto agli americani, di far sentire la propria voce ai rappresentanti eletti in Congresso.
Intanto è di ieri la notizia che il colosso dell’auto di Detroit ha avviato in Spagna procedure di riduzione del personale e della produzione. Le decisioni riguardano principalmente l’impianto di Figueruelas, nel nord della Spagna e prevedono la cassa integrazione volontaria per i dipendenti del gruppo. (ore 12:00)

NO COMMENTS

Leave a Reply