Passeggeri Alitalia a rischio malanni psicologici

Passeggeri Alitalia a rischio malanni psicologici

Roma – Antonio Lo Iacono, presidente della Società italiana di psicologia, si è lanciato in un insolita analisi: prendere in esame i frequentatori abituali degli aeroporti, in particolare quelli che viaggiano con Alitalia.
Dal suo studio emerge chiaramente che i passeggeri di Alitalia a causa delle lunghe attese negli aeroporti e dei disservizi conseguenti alle proteste messe in atto da piloti e assistenti di volo nell’ultimo mese, sono a rischio mal di testa, gastrite, tachicardia, attacchi di panico.
Problemi soprattutto per chi ha difficoltà a gestire le situazioni di stress, mentre per chi riesce a scaricare la rabbia, magari urlando, e per chi ha facilità a socializzare, parlando con gli altri e condividendo il malessere i disagi sono meno marcati.
<<Noi abbiamo già formato – ha spiegato Lo Iacono – 250 psicologi in grado di gestire il caos negli aeroporti, per emergenze gravi. Questi specialisti, però, possono essere utilizzati quando c’è bisogno di aiutare le persone ad affrontare in generale il disagio, in particolare quando si sentono privati di punti di riferimento, anche in caso di problemi nelle stazioni, oltre che negli aeroporti. In questi casi il lavoro dello psicologo è quello di ridimensionare il problema e di mettere addirittura in luce i lati positivi. In queste situazioni urlare, scaricare la propria rabbia, parlare con gli altri – spiega Lo Iacono – evita di rivolgere contro se stessi lo stress, evitando così disturbi psicosomatici.
Il disagio, però, si può anche superare in positivo, avendo un atteggiamento aperto e flessibile. In questo caso l’atteggiamento più salutare è quello delle persone che riescono a sfruttare le lunghe attese come occasione di relax. Quelle cioè che non si concentrano su ciò che stanno perdendo, ma su come possono usare bene il tempo che in quel momento hanno a disposizione: leggere un libro, fare shopping, fare telefonate a lungo rimandate o scrivere appunti. Più creativa è la soluzione meglio è>>. Viene da pensare che il dottor Lo Iacono non abbia mai trascorso la notte, come è capitato ultimamente a diversi malcapitati passeggeri di Alitalia, in un aeroporto nella speranza di vedere decollare il proprio volo, ma del resto è lui l’esperto e se lo dice l’esperto… (ore 11:15)

NO COMMENTS

Leave a Reply