Torino – Fiat Ducato dal lancio della prima versione nel 1981 ad oggi, ha raggiunto i due milioni di esemplari prodotti. Il successo del Ducato nasce dalla bontà del prodotto, dalla qualità del progetto, dalla professionalità delle persone che lo realizzano e dall’accordo tra Fiat e PSA. Siglato nel 1978, ha portato alla nascita di una joint-venture recentemente prolungata fino al 2017 e alla realizzazione dello stabilimento Sevel in Val di Sangro dove vengono costruiti il Ducato e gli omologhi modelli di PSA (veicoli che ciascuna delle due Case commercializza indipendentemente) con una produzione totale in costante aumento, tanto che oggi è stabilmente sopra i 250 mila esemplari prodotti all’anno. Da sottolineare in particolare l’esclusiva motorizzazione Fiat, il 2.3 Multijet 16 valvole Euro 4 con 120 cv di potenza e 320 Nm di coppia: è caratterizzata da consumi ridotti fino al 23 per cento rispetto alla precedente generazione di Ducato, interventi di manutenzione a 45 mila chilometri e il filtro antiparticolato disponibile a richiesta. Il propulsore di punta della gamma, il 160 Multijet Power (157 cv e 400 Nm), si distingue invece per grande piacere di guida, grazie alla sue straordinarie doti di elasticità, alla sua risposta sempre pronta alle richieste di potenza e alla sua eccellente silenziosità. Per questo motore l’innovazione meccanica e tecnologica ha consentito di aumentare gli intervalli di cambio olio ogni 45 mila chilometri o 24 mesi, di disporre di una catena della distribuzione “for life”, di offrire un esclusivo cambio robotizzato a 6 marce denominato Comfort-Matic e, su richiesta, il filtro antiparticolato. (ore 16:30)