Roma- Augusto Fantozzi, commissario straordinario Alitalia, è stato autorizzato da Claudio Scajola, ministro dello sviluppo economico, ad accettare l’offerta  di Cai di 1,052 miliardi( inizialmente di un miliardo) per la vendita degli asset Alitalia. Operazione avallata anche dal Comitato di sorveglianza sulla procedura, guidato da Andrea Monorchio, che ha giudicato positiva l’offerta migliorata di Cai. Fantozzi sostiene che l’acquisto da parte di Cai deve essere perfezionato entro il primo Dicembre, termine ultimo già assicurato da Scajola,  data la situazione in cui versa la compagnia, assicurando, però, che se la partenza della nuova Alitalia dovesse ritardare”Non ci sarà interruzione sul volo italiano anche se stiamo soffrendo la riduzione dovuta alle difficoltà che la vecchia Alitalia ha”.
Il presidente di Cai, Roberto Colannino, è fiducioso sulla partenza della nuova Alitalia pur non sottovalutando “i problemi aperti che attendono ancora una soluzione”. Ancora aperta la questione del partner straniero che, ormai, sembra sempre più orientata su Air France-Klm, anche se la partenza della nuova Alitalia, probabilmente,  sarà tutta tricolore e solo successivamente si darà spazio al partner straniero. L’ Amministratore Delegato di Cai, Rocco Sabelli, si dichiara soddisfatto di tutta l’operazione definita da lui stesso “ complessa e delicata” ed ha affermato che  “la nuova compagnia aerea che nascerà, mettendo insieme Alitalia e AirOne, sarà un’azienda italiana che dovrà dimostrare ovunque una rinnovata capacità di competere”. Il fronte del ‘ no’, Anpac, Avia Up, Sdl e Anpav, ancora una volta confermana il giudizio negativo sull’intera operazione. (ore 11:00)