Ue: vicini a regolamentazione emissioni Co2

Ue: vicini a regolamentazione emissioni Co2

Bruxelles – Il relatore dell’Europarlamento, l’italiano Guido Sacconi (Pse), ha annunciato che Europarlamento, il Consiglio Ue e la Commissione europea sono «molto vicini all’accordo» sul regolamento che limiterà a 130 grammi per chilometro le emissioni di CO2 dalle autovetture nuove vendute in Europa.
Secondo indiscrezioni mancherebbe ormai solo il via libera del Coreper (l’organismo tecnico del Consiglio Ue in cui siedono i rappresentanti permanenti dei governi dei Ventisette) e l’approvazione dei gruppi politici dell’Assemblea di Strasburgo su un’ipotesi che include tutti gli elementi principali di un possibile compromesso: da una parte, il nuovo obiettivo di lungo termine (95 g/km), da conseguire entro il 2020; dall’altra, l’estensione graduale su quattro anni (invece che il raggiungimento secco al 2012) dell’obiettivo dei 130 g/km, con l’obbligo per i costruttori di avere comunque in regola il 60-65 per cento delle nuove auto il primo anno, il 75% nel secondo, l’80-85 per cento nel terzo, fino al 100% nel 2015.
Il nodo ancora da sciogliere, ma per il quale già esiste un’ipotesi d’intesa ad referendum, è quello delle sanzioni economiche che i costruttori dovranno pagare in caso di sforamento dei propri obiettivi.
Il testo originale della Commissione europea prevedeva che nel 2012 si pagassero 20 euro per grammo di CO2 in eccesso, moltiplicato per il numero di auto vendute, passando poi a 35 euro nel 2013, 60 nel 2014 e 95 nel 2015.
Confermate anche le deroghe per le piccole case automobilistiche di nicchia (meno di 10.000 nuove auto all’anno, come l’inglese Rover), anche quando sono collegate a costruttori maggiori (come Ferrari con Fiat), a condizione che abbiano fabbriche e centri di progettazione separati. (ore 12:40)

NO COMMENTS

Leave a Reply