Parigi – Secondo indiscrezioni pubblicate dal quotidiano “La tribune”, emerge che Psa Peugeot Citroën sarebbe in procinto di “unirsi in matrimonio” con la tedesca Bmw.
Secondo il quotidiano «Una delegazione di Bmw si è recata lo scorso 21 Gennaio all’Eliseo, a Matignon (sede del primo ministro) e a Bercy (dove si trova il ministero dell’Economia) per incontrarvi alcuni consiglieri tecnici».
I due gruppi già collaborano per la produzione dei motori a benzina 1,4 e 1,6 litri presenti nei modelli Peugeot 207 e 308 oltre che nelle Citroën C4 e C4 Picasso. Bmw utilizza questi motori per le sue Mini. La casa francese, sul fronte strategico dei diesel, è strettamente alleata con Ford. Insieme producono quattro unità (1.4, 1.6. 2.0 e 2.2 litri) che girano sotto il cofano di decine di modelli di marche diverse da Volvo a Mazda.
Psa, che in un primo momento sembrava soffrire della crisi meno degli altri costruttori europei, avrebbe invece realizzato nel 2008, secondo le prime stime, un margine operativo di appena l’1,8%. Ma a preoccupare è soprattutto il 2009: da qui a Giugno la casa automobilistica ha già deciso di eliminare 3.550 posti di lavoro in Francia. (ore 14:10)