Stoccolma – La crisi dei cieli arriva anche in Scandinavia. Il gruppo Sas, che controlla Scandinavian Airlines, dopo aver annunciato un esercizio in perdita per il 2008, ha espresso la propria intenzione di tagliare tremila posti di lavoro nell’ambito di una riorganizzazione che vedrà la focalizzazione delle attività sui Paesi del Nord Europa e che prevede un aumento di capitale da 6 miliardi di kronor (circa mezzo miliardo di euro) e una riduzione delle rotte.
Tornando alle perdite di esercizio, nel quarto trimestre questa è stata pari a 2,77 miliardi di corone, contro il rosso di 596 dello stesso periodo dell’anno precedente. Le vendite sono calate dello 0,7% a 12,9 miliardi di corone.  Nel 2008 in totale il vettore ha riportato perdite per 590 milioni di euro. (ore 10:40)