Roma – Il consorzio Ecogas non è rimato del tutto soddisfatto dal decreto salva auto approvato venerdì scorso, che prevede nuovi incentivi anche per le auto a gas. Per l’acquisto di auto nuove rimangono confermati gli incentivi per il GPL: una auto a GPL gode di un contributo di 1500 euro, ai quali si possono aggiungere i 1500 euro previsti per la rottamazione e i 500 euro della scorsa finanziaria. Per la trasformazione, aumentati gli importi unitari degli incentivi destinati a chi converte a GPL o a metano il proprio autoveicolo: il contributo per il GPL passa da 350 a 500 euro e per il metano da 500 a 650 euro (per il maggior costo dell’impianto). Si è introdotto però un nuovo concetto: la differenziazione tra GPL e metano, cioè una separazione legale in quella che è stata sempre considerata la famiglia dei carburanti a basso impatto. Un identico veicolo a metano ottiene una agevolazione ulteriore a quelle citate di ben 1500 euro se emette meno di 120gr/km di CO2, e questo vale anche per i veicoli elettrici e a idrogeno. Capiamo per l’ elettrico e l’idrogeno, per i quali, tra l’altro, non c’era neanche bisogno di fissare un limite alla CO2, in quanto ad emissioni zero, ma perché al metano sì e al GPL no? Non comprendiamo tale differenziazione nemmeno da un punto di vista di politica industriale: anche FIAT commercializza vetture a GPL e dietro ogni costruttore di automobili a GPL, italiano, europeo o extra-europeo, c’è un supplier italiano di componentistica gas, leader mondiali del settore. Il paradosso, soprattutto ambientale, è che anche in Sardegna si venderanno auto a metano – o più correttamente a doppia alimentazione benzina-metano – senza che ci sia la minima speranza di trovare un impianto di distribuzione perché tutti vorranno approfittare dei 3500 euro in più di cui gode il veicolo a doppia alimentazione rispetto ad uno identico a benzina. Il cliente però andrà ovviamente sempre a benzina. Speriamo che nel corso della conversione del decreto-legge si metta a posto questa ingiustificata stortura.
(ore 17:00)

NO COMMENTS

Leave a Reply