Barcellona – Al Mofilm Mobile Short Film Festival, svoltosi in occasione del GSMA Mobile World Congress di Barcellona, si è aggiudicato il primo premio “English as a Second Language”, cortometraggio prodotto da Frank Chindamo e diretto da Jocelyn Stemat.Wayne Brannon, Vice-Presidente di Chevrolet Europe, ha consegnatole al produttore le chiavi di una Chevrolet Cruze. «Sono davvero entusiasta dell’opportunità che rappresenta Mofilm per scoprire nuovi talenti e catalizzare cortometraggi sui più recenti strumenti mobili di comunicazione di massa» ha detto il famoso attore e regista Kevin Spacey che ha presentato la cerimonia di premiazione. Chevrolet ha abbandonato recentemente il suo approccio di marketing più tradizionale degli anni precedenti per concentrare maggiormente la sua attenzione sui media digitali emergenti. L’idea è semplicemente quella di raggiungere direttamente le persone che sono interessate all’acquisto di un’automobile attraente e di alta qualità di una marca globale, dall’immagine molto personale che abbia un ottimo rapporto prodotto / prezzo. In breve, Chevrolet cerca di raccontare la sua storia esplorando nuovi media mirati, innovativi, flessibili ed economicamente convenienti. In questo momento Chevrolet sta lanciando Cruze, una nuova berlina compatta per il mercato globale, che sfida l’idea che un’automobile dal prezzo accessibile possa essere anche attraente, ben equipaggiata e raffinata. Questa automobile è un modo per rompere gli schemi proponendo molto di più di quanto ci si aspetti da un modello della sua categoria. Analogamente, la pubblicità di Chevrolet Cruze apre nuove strade con una campagna di marketing pensata dalla gente per la gente. Alla base di quest’idea c’è il fatto che l’utente ha prodotto un cortometraggio che racchiude in sé il motivo per il quale le cose grandi accadono quando andiamo al di là del modo più convenzionale di pensare come fa anche il marketing. Mettendo insieme le storie di persone vere, l’utente ha realizzato un cortometraggio la cui idea non è stata sviluppata da agenzie di pubblicità famose. Tutti questi progetti sono stati pensati per essere diffusi attraverso social networks specifici, utilizzando gli strumenti che sono propri della quotidianità della gente comune, come ad esempio, internet, telefoni cellulari e passaparola.(ore 11:15)

NO COMMENTS

Leave a Reply