Cernobbio – Anche nell’ultimo fine settimana di Aprile il Grand Hotel Villa d’Este, sulla riva del lago di Como, ospiterà oltre 50 auto d’epoca così come 12 concept car e prototipi che si sfideranno in bellezza, eleganza e perfezione tecnica al Concorso d’Eleganza Villa d’Este.
La vecchia tradizione di progettare automobili in esclusiva per il Concorso d’Eleganza quest’anno è stata ripresa dal team design del BMW Group che ha presentato la BMW M1 Hommage. Lo studio ispirato alla BMW M1 e alla BMW Turbo riunisce tradizione e modernità e offre degli spunti sulla visione di BMW di un futuro automobilistico ispirato dalla storia.
Quest’omaggio testimonia un design emozionante, che denota tecnica e si integra perfettamente nell’estetica globale del veicolo. Il Concorso d’Eleganza Villa d’Este costituisce l’ambientazione perfetta per la BMW M1 Hommage – un luogo dove si ritrovano le bellezze automobilistiche di ieri e le concept car e gli studi progettuali di domani.
Intanto la giuria ha già designato “Best of Show”, e quindi vincitrice del Trofeo BMW Group, la Ferrari 166 MM Berlinetta Touring del 1949. Il conte Giannino Marzotto acquistò la Ferrari 166 MM da Enzo Ferrari; successivamente la Touring dotò la vettura di una carrozzeria coupé aerodinamica nello stile della Touring Superleggera. Nel 1950 l’automobile fu esposta al Salone di Ginevra. Nello stesso anno, la Ferrari, sulla quale nel frattempo era stato montato un nuovo motore V12 Tipo 195 progettato da Gioacchino Colombo, vinse la Mille Miglia. Verso la fine degli anni Cinquanta, l’automobile fu utilizzata per gare minori negli Stati Uniti e, nel 1965, fu venduta, insieme al motore originale del 1949, a un collezionista americano, che la tenne fino al 2001. L’attuale proprietario, John Croul, acquistò l’automobile nel 2003 e la fece restaurare ripristinando integralmente le condizioni originarie. Sabato i visitatori di Villa d’Este hanno nominato la vincitrice della Coppa D’Oro. I voti dei presenti sono andati in gran parte alla Mercedes-Benz 540 K Autobahnkurier del 1938. Solo due coupé dalla forma aerodinamica furono costruiti sulla carrozzeria della Mercedes-Benz 540 K. L’automobile fu acquistata dal Dr. Ignacio Barraquer nel 1938 e fino al 2004 restò di proprietà della famiglia. L’Autobahnkurier passò quindi a Deborah e Arturo Keller, che la sottoposero a un completo restauro. Il Trofeo BMW Group Italia è andato alla Delahaye 135 M di Figoni & Falaschi, anno di costruzione 1937. La Roadster fu presentata al Salone dell’Auto di Parigi nel 1937 e venduta a un marajà indiano. Cinquant’anni dopo, la Delahaye lasciò l’India e fu restaurata in Inghilterra. L’attuale proprietario, Peter Mullin, Stati Uniti, ha acquistato la vettura nel 1993. Domenica, a Villa Erba, i visitatori hanno eletto la Bugatti Veyron Fbg Hermès del 2008 l’automobile più bella nella categoria Concept Cars and Prototypes. Con la Bugatti Veyron Fbg, Hermès ha ripristinato la vecchia collaborazione tra l’appass