Roma – Il cosiddetto “Car Sharing” (sistema di condivisione dell’auto in atto soprattutto fra colleghi di lavoro), continua prendere piede in Italia ed è diventato una realtà di successo in 11 comuni e 8 province, con ulteriori prospettive di crescita (Brescia, Savona e Padova). In effetti, il Car Sharing è la soluzione ideale per spostamenti brevi e frequenti, coniugando la convenienza economica e il basso impatto ambientale del trasporto pubblico con la comodità del trasporto privato. Di ciò si discute nel IV Forum sul Car Sharin di Roma dove si tenta di fare il punto sul servizio che rappresenta uno dei nuovi strumenti della mobilità sostenibile. L’incontro, organizzato da I.C.S. (Iniziativa Car Sharing) in collaborazione con il ministero dell’Ambiente, del Territorio e del Mare, prende spunto da una recente ricerca di customers’ satisfaction e di percezione del Car Sharing svolta da I.C.S. nel corso del 2008 e ha come tema “Il Car Sharing per l’utente: interesse, immagine e gradimento”.
Il Forum rappresenta l’occasione per gli operatori del settore, le Pubbliche Amministrazioni, per accademici e studiosi di avere un quadro aggiornato sullo stato di sviluppo del servizio in Italia e sulle problematiche ed opportunità ad esso correlate. Uno dei risultati più soddisfacenti viene proprio dagli abbonati al servizio, che ne apprezzano i benefici: l’80% infatti ritiene che i vantaggi superino di gran lunga i costi. (ore 11:50)