Obbligazionisti vecchia Alitalia contro il Tesoro

Obbligazionisti vecchia Alitalia contro il Tesoro

0 4

Roma – Si è conclusa con un nulla di fatto l’assemblea degli obbligazionisti dell’Alitalia. Il motivo principale del forfait è stata l’assenza del ministero dell’Economia, titolare del 62,4% delle obbligazioni.
Adesso gli obbligazionisti della bad company Alitalia stanno riflettendo sulle possibili iniziative da adottare contro il ministero per ottenere il rimborso dei crediti. Si parla anche di un’azione legale collettiva: <<Vogliamo intentare causa al Tesoro – ha detto l’amministratore delegato di Anima Sgr, Alberto Foà – perché ha diretto e coordinato la società Alitalia non con il fine di soddisfare gli azionisti e i creditori ma con un fine, pur nobile, di natura pubblica e politica che non ha nulla a che vedere con la natura privatistica della società. Il comportamento del Tesoro, crea un precedente pericoloso e viola l’articolo 2497 del Codice civile. Dal 2002 Alitalia non è stata gestita nell’interesse né dei soci né dei creditori, che avrebbero sicuramente gradito il rimborso dei bond all’85% progettato a suo tempo da Air France», che poi fu respinto. Questa sarà la sostanza e la direttrice della causa collettiva da intentare al Tesoro. Pensiamo inoltre – ha concluso Foà – sia dovere del commissario Fantozzi di intentare anche egli una causa al Tesoro>>. Foà ha quindi proposto la costituzione di un fondo spese per intentare questa causa. La sua stima è che ogni obbligazionista dovrebbe contribuire al fondo con circa l’1% del valore nominale del credito. (ore 14:00)

NO COMMENTS

Leave a Reply