Roma – Bollino nero sì, ma meno del previsto. I 16 milioni d’italiani che si sono messi stamane in viaggio hanno raggiunto i luoghi di vacanze e le ultime “pattuglie” stanno per farlo. Secondo la società Autostrade per l’Italia, gli automobilisti hanno raccolto l’invito a evitare le ore più critiche e pertanto si sono ridotti i tempi di percorrenza su tutte le autostrade. Rimangono code in fase di smaltimento sulla A1 Milano-Napoli, sulla A9 Milano-Como e sulla A23 da Udine. Ha avuto successo il piano operativo della scoietà con 6.000 uomini, 2.000 telecamere e 1.000 pannelli a messaggio variabile. Alle 16 le uniche situazioni da segnalare erano le seguenti: A1 Milano-Napoli – traffico intenso sul nodo di Firenze sia in direzione Bologna che in direzione Roma A9 Milano-Como coda di 4 chilometri in uscita dall’Italia per le operazioni doganali. A23 da Udine, coda di 2 chilometri in uscita verso Tarvisio Traforo Monte Bianco attesa di 90 minuti per regolazione traffico verso la Francia. Autostrade ricorda inoltre che “i mezzi pesanti non potranno circolare fino alla mezzanotte di Sabato, e tra le 07:00 e le 24:00 di domenica”. Sempre in questo week end di esodo e traffico molto intenso, non si sono registrati disagi in corrispondenza dei lavori della Galleria Monte Galletto, sulla A7 Genova – Serravalle, come era stato previsto durante le fasi di pianificazione e dei lavori stessi. E’ di circa 2 ore l’attesa a Villa San Giovanni agli imbarchi per la Sicilia.
Ricordiamo che dalla mezzanotte entreranno in vigore le prime norme con applicazione immediata che riguardano i comportamenti degli automobilisti. Il pacchetto sicurezza ha infatti anticipato una serie di modifiche al Codice della strada, in vista del grande restyling delle regole della circolazione previste per l’Autunno: il provvedimento che sostituirà una cinquantina di articoli del codice è rimasto all’esame del Senato, almeno fino a tutto Settembre. La prima stretta agostana sulle regole stradali torna a colpire i conducenti dediti all’abuso di alcol e droghe: la sospensione della patente verrà raddoppiata se il conducente non è il proprietario del veicolo. Guai anche a chi pensa di cavarsela girando fin troppo allegro in bicicletta o monopattino: la guida in stato di alterazione psichica comporterà comunque la sospensione della patente di guida, ovviamente per chi ce l’ha. L’ebbrezza notturna, tra le 22 e le 7, sarà inoltre punita ancora più duramente: il giudice, trattandosi di reato, dovrà aumentare le pene da un terzo fino alla metà senza considerare, almeno in prima battuta, eventuali attenuanti a vantaggio del colpevole. Sanzioni pecuniarie aumentate fino a un terzo, da subito, anche per l’eccesso di velocità, l’omissione di precedenza e lo sforamento dei limiti di orario giornaliero per i conducenti  professionisti. L’unica concessione al portafogli riguarda chi provoca incidenti notturni (tra le 20 e le 7), che non pagherà più la multa aggiuntiva di 200 euro introdotta dal governo Prodi esattamente due anni fa. Subito a regime, infine, anche il giro di vite sul rilascio e la revoca delle patenti: niente licenza, o ritiro immediato, per i delinquenti professionali, abituali o per tendenza (“titoli” che devono derivare da sentenze penali) e per chi è sottoposto a misure di sicurezza e di prevenzione (notificate dal questore). La prima tranche di “strade sicure” finisce qui. Il grosso della riforma del Codice è rimandato al disegno di legge fermo al Senato, che darà un’ ulteriore stretta sui neopatentati (pene più severe e limiti di potenza alle auto), ma anche nuove regole sull’utilizzo degli autovelox, impendendo a comuni ed enti locali di fare “cassetta” sulle strade di grande comunicazione che li attraversano.
La sicurezza dipende soprattutto da chi guida. Ecco, quindi, 10 regole auree per viaggiare in autostrada “dettate” da Autostrade per l’Italia:
1. Pianificare le partenze tenendo conto delle previsioni del traffico (ndr: regola disattesa come dimostra il traffico in corso)
2. Controllare adeguatamente il mezzo prima del viaggio, soprattutto pneumatici e freni.
3. Allacciare le cinture di sicurezza anteriori, posteriori e i seggiolini per bambini.
4. Rispettare i limiti di velocità e le distanze di sicurezza.
5. Viaggiare riposati e fermarsi al primo accenno di stanchezza, fare soste frequenti nelle aree di servizio e nelle aree di parcheggio.
6. Zero alcol prima e durante il viaggio.
7. In caso di incidente chiamare la Polizia stradale al numero 113, il soccorso sanitario al 118 e i vigili del fuoco al 115.
8. Viaggiare informati Isoradio FM 103.3-RTL FM 102.5; call center viabilità attivo 24 ore su 24 telefono 840.04.21.21 (scatto unico alla risposta).
9. Fermarsi in corsia di emergenza o in una piazzola di sosta solo in caso di guasto o malore, utilizzare il telefono cellulare per richiedere soccorso.
10. Occupare sempre la corsia libera più a destra.
Comunque, di seguito, tutti i numeri che possono essere utili per chi viaggia:
AUTOSTRADE PER L’ITALIA 840.04.2121
Call center attivo 24h su 24 per richiedere informazioni su transitabilità e previsione del traffico sulla rete, condizioni meteorologiche in atto e previste.
– CCISS 1518
Il servizio, attivo 24 ore su 24, fornisce informazioni su viabilità e circolazione stradale.
– ACI 803.116
A disposizione dei soci e dei clienti, attivo 365 giorni l’anno, 24 ore su 24, per la richiesta dei servizi Aci in Italia (soccorso stradale, auto sostitutiva, ecc…)
– ANAS 841-148
Attivo 7 giorni su 7, compresi i festivi, 24ore su 24, dalle 08:00 alle 20:00 attraverso un servizio di Contact Center e dalle 20:00 alle 08:00 attraverso una segreteria telefonica, fornisce informazioni, segnalazioni o suggerimenti riguardanti la rete stradale Anas.
– VIAGGIANDO 89.24.89
Centro coordinato da Servizi utenza stradale che fornisce informazioni utili sulla viabilità e la percorribilità delle seguenti tratte:  A4 tra Trieste e Brescia,
A23 tra Udine Sud e la A4, A28 Portogruaro-Sacile Ovest, A31 Vicenza-Piovene Rocchette, A21 Brescia-Piacenza.
– MOTIVE SERVICE 800.800.315
Servizio di assistenza stradale
– Le principali autostrade
840-708708: A4 Torino-Milano, A5 Quincetto-Ivrea-Torino, A5 Aosta – Raccordo San Bernardo, A21 Torino – Piacenza, A32 Bardonecchia – Torino.
892.489:  A4 Brescia – Padova, A4 Padova – Mestre, A4 Mestre – Trieste – Udine, A21 Piacenza – Brescia, A28 Portogruaro – Pordenone – Conegliano, A31 Trento – Vicenza – Rovigo.
707.340:  A 10 Ventimiglia – Savona.
800.279940: A22 Brennero – Verona – Modena.
800.043330: A15 Parma – La Spezia.
800.708708: A33 Asti – Cuneo.
– Verso l’estero. I trafori autostradali
890.411: T1 Monte Bianco.
0165.780902: T2 Gran San Bernardo.
840.708708: T4 Frejus. (ore 19:45)