Tokio – La ripresa delle vendite in Giappone determinata dall’effetto-incentivi ha indotto Toyota a un aumento della produzione dopo 16 mesi. La Casa automobilistica, primo produttore di auto al mondo, ha annunciato che a Novembre produrrà 14.500 veicoli al giorno, una cifra che rappresenta il primo incremento su base annuale dal Luglio del 2008. Decisione, però, temporanea, in quanto la produzione di Toyota dovrebbe essere ridotta nuovamente nel 2010. Per l’anno fiscale che iniziato l’1 Aprile, la Casa giapponese ha ridotto del 12% il ritmo delle sue catene di montaggio scendendo a 6,2 milioni di esemplari, il livello più basso degli ultimi sette anni. La stima non comprende le affiliate Hino e Daihatsu. Toyota ha varato drastiche misure per fronteggiare le difficoltà del momento, fra le quali la sospensione dell’attività produttiva in alcuni stabilimenti nipponici. L’obiettivo è ridurre notevolmente le scorte negli impianti. È stata anche rinviata a tempo indeterminato l’apertura dell’ottava fabbrica nordamericana: avrebbe dovuto sorgere nello Stato del Mississippi. Ora la decisione di aumentare la produzione giapponese, primo segno che la morsa della crisi comincia ad allentarsi. (ore 09:00)
Nella foto: La sede della Toyota a Toyota City (Giappone).