Roma – Perché usare per pochi minuti un oggetto che può durare anche 100 anni come il sacchetto di plastica? La produzione di plastica assorbe l’8% della produzione mondiale di petrolio e attualmente nel mondo si producono 200 milioni di tonnellate di plastica all’anno di cui solo il 3% viene riciclato, mentre il 50% viene utilizzato per articoli monouso o imballaggi che vengono buttati entro l’anno. Quasi il 90% del rifiuto galleggiante in mare è costituito da plastica e sono almeno 143 le specie marine che sono rimaste imbrigliate in sacchetti, reti o altri rifiuti plastici rischiando la morte per fame, soffocamento o annegamento. Per questo per iniziativa di MCS The Marine Conservation Society, si è celebrata la prima giornata internazionale senza sacchetto in plastica, ovvero una giornata in cui i consumatori sono stati invitati a non accettare o usare sacchetti in plastica per trasportare gli acquisti, ma borse riutilizzabili. MCS The Marine Conservation Society è una società  inglese no profit dedicata alla conservazione dell’ecosistema marino. In Italia, inoltre, si è svolta una iniziativa simile, la campagna “Porta la sporta”, promossa dall’Associazione Comuni Virtuosi (www.portalasporta.it). (ore 09:30)