Roma – Fp-Cgil, Fit Cisl, Uil-Pa, Uiltrasporti, SdL-intercategoriale e Usppi-Apac terranno oggi una assemblea per decidere nuove ed ulteriori (oltre al già confermato sciopero del 27 Maggio) forme di lotta per ottenere l’immediato rinnovo del contratto scaduto da due anni, del rispetto degli accordi precedentemente assunti, della gestione trasparente del fondo di amministrazione.
Non ha portato a nulla, infatti, il confronto fra parti sociali e presidente dell’Enac, Vito Raggio.
“Ancora una volta – si legge nella nota congiunta delle organizzazioni – le risposte ottenute sono state evasive e i sindacati hanno assistito al solito rimpallo di responsabilità tra i vertici aziendali. Oramai – prosegue la nota – la mancanza di metodo e di contenuto, nonché il continuo scarico di responsabilità è prassi consolidata al vertice dell’Enac, che continua a non realizzare quel segnale di discontinuità più volte auspicato e promesso. Il presidente dell’Ente nazionale aviazione civile ha abbandonato animosamente il tavolo assumendosi la responsabilità politica della rottura delle trattative, egli non era a conoscenza dei temi della vertenza e ha cercato di porvi rimedio sfiduciando di fatto il direttore generale che d’ora in avanti dovrà condurre con i sindacati incontri esclusivamente tecnici. Questo comportamento è rivelatore dello sbando in cui versa l’Ente a causa delle continue lotte di potere tra la dirigenza. Siamo consapevoli che l’inasprirsi della vertenza produrrà disagi per operatori e utenza – concludono i sindacati – ma sono necessari per restituire all’Enac l’autorevolezza che le compete istituzionalmente in termini di vigilanza, controllo e sicurezza del trasporto aereo”. (ore 10:30)