Marchionne, senza incentivi nel 2010 auto in difficoltà

Marchionne, senza incentivi nel 2010 auto in difficoltà

Francoforte – Sergio Marchionne, a.d. di Fiat Automobiles Group, guarda lontano e lancia l’allarme  necessario il rinnovo degli incentivi per il settore auto nel 2010, in caso contrario si verificherà un impatto disastroso. Parlando a margine del Salone dell’auto di Francoforte, Marchionne si è soffermato anche sulla Fiat, confermando gli obiettivi del gruppo per il terzo trimestre 2009 e per quanto Chrysler, ha detto che intende presentare entro Novembre un piano per i prossimi cinque anni, ammettendo che la ristrutturazione della casa automobilistica di Detroit è più difficile di quanto s’era pensato inizialmente. Marchionne ha anche detto che Gruppo Fiat e Chrysler arriveranno a produrre 5,5-6 milioni di auto l’anno e che considera definitivamente chiusa la possibilità di raggiungere un accordo con Opel, rilevando che, a suo avviso, le compagnie automobilistiche europee non sembrano auspicare la realizzazione di un consolidamento.
L’ad di GM, Henderson ha, da parte sua, precisato che l’accordo finale per la vendita di Opel a Magna dovrebbe essere firmato all’inizio del mese prossimo. I quattro principali accordi sulla vendita sono stati finalizzati e potrebbero <<essere firmati oggi stesso>>, ha spiegato Henderson, aggiungendo che restano da stipulare altri quattro accordi di natura secondaria, che saranno pronti a breve. L’intera operazione si dovrebbe concludere entro la fine di quest’anno.
 Sulla proroga degli incentivi è intervenuto il ministro dello Sviluppo Economico, Claudio Scajola, il quale al termine di un’audizione alla Camera interpellato dai giornalisti  ha detto che <<è  cosa auspicata e auspicabile la proroga degli incentivi per il settore auto, anche se è prematuro parlarne ora>>. (ore 16:00)
Nella foto: Sergio Marchionne.

NO COMMENTS

Leave a Reply