Roma – Il maltempo mette in ginocchio le isole Eolie dove il mare, a causa del forte vento di Nord-Ovest, ha raggiunto forza 5-6, impedendo di raggiungere da ieri pomeriggio Filicudi, Alicudi, Panarea, Stromboli e la sua frazione di Ginostra. I mezzi della Siremar, Ustica Lines e Ngi non viaggiano neppure da Milazzo (Messina) per Vulcano, Lipari e Salina. Da Lipari stamani ha effettuato una corsa l’aliscafo che poi si è fermato e sull’isola sono rimasti bloccati decine di turisti che volevano raggiungere Stromboli, Panarea e Filicudi per trascorrere il Capodanno. E mentre le previsioni annunciano l’arrivo di un sistema nuvoloso di origine atlantica verso le regioni più occidentali con piogge sparse verso la serata, soprattutto sull’Alta Toscana, Autostrade per l’Italia fa sapere che sono stati riaperti stamani, in Toscana, i tratti delle autostrade A/11 Firenze-Pisa Nord e A/12 Rosignano-Genova chiusi dal giorno di Natale per le esondazioni del fiume Serchio e di altri canali e torrenti nelle province di Lucca e di Pisa. Rimane invece chiusa la statale Aurelia nel comune di Vecchiano. In particolare, il traffico ha ricominciato a scorrere in modo regolare in entrambe le direzioni sia sull’A/12 lungo il litorale pisano, sia sull’A/11 tra i caselli di Lucca Ovest e di Pisa-Centro-Aeroporto. Tuttavia, al momento, nel tratto di A/11 che è stato riaperto, il transito dei veicoli viene permesso con un limite di velocità massimo di 60 chilometri orari e soltanto sulle corsie di sorpasso di entrambe le carreggiate; le corsie di marcia e di emergenza non sono ancora praticabili. Inoltre, sempre sull’A/11, a causa dell’allagamento non sono accessibili gli svincoli del casello di Pisa Nord e le aree di servizio di Migliarino Pisano. (ore 13:30)