Milano – A pochi giorni dalla decisione del Governo di rinnovare gli incentivi auto anche per il 2010, Europ Assistance mette a confronto gli automobilisti di 20 Regioni italiane relativamente a due temi: “Crisi economica e risparmio”, come la negativa congiuntura economica condiziona le scelte di acquisto e le modalità d’uso dell’auto da regione a regione; “Indispensabilità dell’auto”, in quale misura l’automobile è percepita come un bene irrinunciabile a livello locale.
L’indagine, realizzata dall’istituto di ricerca indipendente SWG su un campione rappresentativo della popolazione italiana, fotografa un’Italia unita sotto il segno dell’oculatezza e dell’auto-dipendenza.
 Da nord a sud gli Italiani risultano particolarmente attenti al tema risparmio: a dichiararsi “preoccupati” o “sensibili” i cittadini di ben 16 Regioni italiane su 20. In cima alla classifica marchigiani, umbri e sardi: sono queste le tre regioni del Bel Paese in cui l’impatto della crisi economica si è fatto maggiormente sentire.  Solo Liguria, Sicilia, Lazio ed Emilia Romagna appaiono immuni agli effetti della recessione, dichiarandosi “indifferenti” al fattore risparmio. La stragrande maggioranza degli automobilisti italiani ritiene l’auto indispensabile o necessaria: a definire il proprio mezzo “irrinunciabile” sono i residenti di 12 Regioni Italiane. Molto “importante” risulta la possibilità di spostarsi a bordo della propria macchina per emiliani, toscani, lombardi, piemontesi, valdostani e friulani.
Meno attaccati agli spostamenti su quattro ruote appaiono invece trentini e liguri, che considerano l’auto un bene “superfluo”. (ore 19:00)

NO COMMENTS

Leave a Reply