Milano – Slitta al primo Gennaio 2011 l’entrata in vigore del divieto risalente al 2007 e fino ad oggi mai applicato (perché di anno in anno posticipato attraverso un decreto “mille proroghe”) dell’uso di macchine eccessivamente potenti ai neo-patentati e il divieto di guidare veicoli che sviluppano una potenza superiore a 50 Kw/t, se effettivamente entrati a regime, avrebbero condotto al “paradosso” di consentire ai giovani la guida di vetture meno sicure, più grandi e particolarmente pesanti e potenti, rispetto alla guida di veicoli di media grandezza che risulterebbe, invece, vietata. Insomma, si sarebbe finito per proibire la guida di macchine adatte ai ragazzi, come, per esempio, la nuova Fiat 500, la Citroen C1 o la Peugeot 107.
La nuova proroga consentirà, forse, di dare un ordine alla incongruenza in questione poiché nel frattempo dovrebbe essere riformato anche il Codice della Strada la cui bozza di cambiamenti è attualmente parcheggiata in commissione Lavori pubblici di Palazzo Madama. Le novità sono contenute nell’articolo 12, che innalza il limite di potenza specifica delle macchine da 50 a 55 Kw/t (cioè, da 68 a 75 cv), per renderlo un po’ meno incoerente rispetto all’iniziale previsione. Nel caso, poi, di veicoli di categoria M1, la disposizione prevede l’applicazione di un ulteriore limite di potenza massima, pari, cioè, a 70 kw. (ore 16:00)

NO COMMENTS

Leave a Reply